menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Franchi con la maglia del Carpaneto

Luca Franchi con la maglia del Carpaneto

Eccellenza - Luca Franchi: «Il gol è stato una liberazione»

Il suo primo gol con la maglia del Carpaneto è arrivato alla seconda presenza, la prima da titolare dopo l'ingresso a partita in corso sette giorni prima. Con il calcio di rigore trasformato, ha dato il "la" alla rimonta della sua squadra, poi...

Il suo primo gol con la maglia del Carpaneto è arrivato alla seconda presenza, la prima da titolare dopo l'ingresso a partita in corso sette giorni prima. Con il calcio di rigore trasformato, ha dato il "la" alla rimonta della sua squadra, poi vittoriosa 4-2 contro il Pallavicino. Quella di Busseto è stata una domenica speciale per Luca Franchi, attaccante della Vigor che ha festeggiato la sua prima rete biancazzurra e ha fornito il proprio contributo all'importante successo della squadra di Ciceri contro la compagine parmense.

"Di domenica scorsa - spiega Franchi, arrivato nel mercato invernale dal Piacenza insieme ad Alessandro Minasola, autore nell'ultima gara di una doppietta - prendo sicuramente il risultato, molto importante in questo momento dove cerchiamo di migliorare la nostra classifica. Per il resto, dobbiamo crescere tanto e l'esser andati sotto all'inizio del secondo tempo vuol dire che qualcosa va rivisto. L'aver poi ribaltato il risultato e aver vinto è comunque un ottimo sintomo di coesione di squadra e di intenti comuni. Il gruppo è cambiato con alcuni giocatori nuovi ed è normale dover trovare l'amalgama. La vittoria, comunque, dà un'impronta positiva per il morale".

In più per te è arrivato anche il primo gol.
"Per un attaccante è un qualcosa di fondamentale; per me è un po' una liberazione, visto che non sono riuscito a sbloccarmi in campionato a Piacenza, mentre qui alla Vigor ce l'ho fatta alla prima presenza da titolare. Inoltre, la rete ha dato il via alla rimonta verso la vittoria e questo fa ancora più piacere. Ero il rigorista prescelto? Sì, il mister aveva deciso così in precedenza".

A che punto sei come condizione fisica?
"Venivo da un mese e mezzo di stop, con il problema fisico che avevo accusato al Piacenza che adesso si è risolto. Ora ho bisogno del ritmo partita per tornare a pieno regime; l'aver giocato 90 minuti a Busseto senza crampi e con un contributo fino alla fine è una motivazione in più nel percorso verso la condizione normale, che spero arrivi il prima possibile".

Tra i protagonisti di domenica scorsa c'è Alessandro Minasola, con te in precedenza al Piacenza.
"Non mi meraviglio faccia grandi cose; con lui ho un bel rapporto e lo "massacro" ogni giorno affinché stia sempre sul pezzo e faccia la differenza come è accaduto domenica. Questo perché è un giovane (1996) e ci sono passato anch'io. Deve continuare a correre e a impegnarsi al massimo come tutti".

Giovani ed esperti per un mix di gruppo in armonia.
"C'è un ottimo gruppo alla Vigor, un fattore che reputo alla base di tutto. Anche i giocatori più esperti sono personale eccezionali e questo aiuta".

Domenica arriva il Luzzara.
"Sinceramente non conosco l'avversario, ma dobbiamo guardare più dalla nostra parte, remando tutti insieme e pensando al nostro gioco, poi il risultato arriverà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento