rotate-mobile
Mercoledì, 26 Giugno 2024
Eccellenza

Eccellenza - Fiorenzuola: «Vogliamo essere un modello»

E' senz'altro positivo il bilancio della prima metà della stagione per il Fiorenzuola, sia a livello di prima squadra che di settore giovanile. L'undici di Mantelli, come da programma, sta battagliando con il Lentigione per il ritorno in serie D...

E' senz'altro positivo il bilancio della prima metà della stagione per il Fiorenzuola, sia a livello di prima squadra che di settore giovanile. L'undici di Mantelli, come da programma, sta battagliando con il Lentigione per il ritorno in serie D, mentre il progetto Accademy sta portando i primi frutti. Il debutto in prima squadra di alcuni dei ragazzi più promettenti rappresenta la prova tangibile della sintonia che si è creata tra tutte le componenti della società rossonera. In assenza del presidente Luigi Pinalli, trattenuto da inderogabili impegni di lavoro, ci hanno pensato i vicepresidenti Daniele Baldrighi, Giovanni e Francesco Pighi, insieme al responsabile dell'Accademy Luigi Galli e al responsabile marketing Gianmaria Bosoni ad esprimere la soddisfazioni per i risultati finora raccolti a tutti i livelli.

Daniele Baldrighi ha innanzitutto reso merito alla prima squadra che, nonostante qualche infortunio e qualche squalifica di troppo, ha chiuso il girone d'andata a una sola lunghezza dal Lentigione, “ovvero la grande favorita dell'estate. Noi siamo lì a un solo punto e intendiamo lottare fino alla fine per la promozione. Finora il lavoro di Mantelli, dei suoi collaboratori e dei ragazzi è stato esemplare, ci auguriamo che continuino così”. Bosoni ha quindi ricordato come alla base del progetto Accademy ci sia l'obiettivo di trasformare il Fiorenzuola in un modello per quanto riguarda la crescita tecnica e umana dei ragazzi. Quasi 250, con undici tecnici e tanti collaboratori, “che si sono allenati – ha spiegato Luigi Galli – per 1400 ore complessive, disputando 150 partite. Sei o sette di loro sono seguiti da realtà professionistiche. Ma ciò di cui vado prima di tutto orgoglioso è il senso di appartenenza nei confronti della società che si sta radicando in tutti i ragazzi, senza scordare il comportamento quasi sempre ineccepibile. Guardando ai risultati non possiamo certo lamentarci, visto che i '97 e i '99 hanno già centrato le fasi regionali”. 

Per l'immediato futuro sono in cantiere un almanacco con le foto di tutti i tesserati che, in occasione della festa in programma sabato 21 dicembre al centro Scalabrini, verrà consegnato dai giocatori della prima squadra ai ragazzi del settore giovanile, la numerazione dei campi da gioco e da allenamento e un cuscinetto rossonero che verrà distribuito in occasione delle gare interne della prima squadra. Francesco e Giovanni Pighi hanno infine ringraziato dirigenti, tecnici e tesserati per aver centrato, in questi primi sei mesi di progetto Accademy, gli obiettivi preventivati: “Non vogliamo essere meteore – ha puntualizzato Giovanni Pighi – ma un punto di riferimento per tutta la Valdarda. Per quanto ci riguarda siamo contrari ai proclami, preferiamo il lavoro quotidiano orientato alla costruzione di un modello sportivo e sociale".
Filippo Ballerini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eccellenza - Fiorenzuola: «Vogliamo essere un modello»

SportPiacenza è in caricamento