Mercoledì, 23 Giugno 2021
Dilettanti

Braiati conferma: «Nel 2020-2021 per i dilettanti si pensa a una stagione più corta e a trasferte più vicine»

Il presidente regionale, in attesa dello stop definitivo ai campionati che dovrebbe arrivare a ore, ripete a Il Resto del Carlino quanto anticipato a Sportpiacenza nelle scorse settimane

Paolo Braiati, presidente della Figc Emilia-Romagna

Le tappe sono fissate: il Consiglio Federale di domani a cui farà seguito il Consiglio della Lega Nazionale Dilettanti in programma venerdì 22 maggio e chiamato a prendere le decisioni definitive sui campionati che a ore verranno definitivamente sospesi. L’ipotesi più probabile, almeno al momento, è la promozione per le capolista e il blocco delle retrocessioni, anche se non è un segreto che molte delle squadre nelle prime posizioni potranno essere ripescate nelle categorie superiori.

Tutto da capire invece cosa succederà nella prossima stagione. Nella giornata di ieri si è tenuta la riunione dei comitati regionali dell’Area Centro, di cui fa parte anche l’Emilia-Romagna, per dare l’ok al Consiglio federale a cui spetta la sospensione definitiva di tutti i campionati seniores, dalla Serie D alla Terza categoria, e di quelli giovanili provinciali e interprovinciali, mentre i tornei giovanili nazionali avevano già ricevuto lo stop definitivo nelle scorse settimane per mano della federazione.

Il presidente regionale Paolo Braiati in un articolo a firma di Davide Setti pubblicato su Il Resto del Carlino, dopo aver anticipato la certa sospensione definitiva («Non ci sono le condizioni per tornare a giocare») ha anticipato le intenzioni per la prossima annata 2020-2021. «Non ho titoli medici per fare previsioni, ma il rischio zero non esisterà, almeno fino a quando non si troverà un vaccino. Vedremo come e se si può convivere con il virus nei dilettanti».

Braiati ha poi confermato quando dichiarato qualche settimana fa a Sportpiacenza: «Il 2020-2021 sarà un campionato di transizione. La stagione probabilmente inizierà più tardi e avremo dei gironi più corti, per consentire alle squadre di percorrere meno chilometri e anche per essere pronti se dovessimo fermarci ancora per qualche settimana».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Braiati conferma: «Nel 2020-2021 per i dilettanti si pensa a una stagione più corta e a trasferte più vicine»

SportPiacenza è in caricamento