Questo sito contribuisce all'audience di

Nibbiano&Valtidone verso l'esordio. Mister Maurizio Tassi: «Vogliamo toglierci delle soddisfazioni»

Il tecnico: «C’è la volontà di disputare un campionato importante, togliendoci delle soddisfazioni e rimanere nella parte nobile della classifica ma nessuno ci ha detto siete “obbligati” a vincere. Le favorite sono altre».

A destra il presidente Valter Alberici con il nuovo tecnico Maurizio Tassi

«Cercherò di dare la mia impronta a una squadra completamente rivoluzionata». Si può riassumere con queste parole la chiacchierata con mister Maurizio Tassi, da giugno nuovo timoniere e uomo mercato di un Nibbiano&Valtidone che parte con l’ambizione di fare bene, stazionando nella parte nobile della classifica.
Pavese di Pieve Porto Morone, Tassi è l’uomo scelto dal presidente Valter Alberici e dal direttore generale Ambrogio Pelagalli per rilanciare il Nibbiano&Valtidone dopo la mancata stagione scorsa, in cui la squadra partì benone per poi andare in flessione e chiudere a metà classifica l’annata. A Tassi è stato affidato anche il mercato, tutti acquisti avallati personalmente e proprio da qui partiamo, la rivoluzione dei valtidonesi.

Mister, che Nibbiano&Valtidone ci dobbiamo aspettare?
«Sicuramente cercherò di dare la mia impronta alla squadra. La rosa è stata ringiovanita, basti pensare che oltre i 30 anni ci sono solamente Di Gennaro, Tacchinardi, Silvestri, Jakimovski è un classe ’87, per il resto siamo una squadra molto giovane».

Caratteristiche?
«Siamo una rosa che necessita ancora di tempo per trovare la giusta amalgama, dobbiamo infatti considerare che è stato tutto quanto rivoluzionato, sia la parte tecnica sia lo staff. Della passata stagione sono rimasti solamente quattro giocatori, Silva, Jakimovski, Marmiroli e il giovane El Yamani. Chiaro che sono tutti giocatori che ho fortemente voluto io, tuttavia ora devono imparare a giocare insieme».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché ha scelto il Nibbiano&Valtidone?
«La mia è una storia particolare perché per nove anni ho allenato solo una squadra, il San Colombano, e stare per così tanto tempo in una società è raro. Diciamo che ho scelto di fare una nuova esperienza e qui ha giocato un ruolo importante anche il presidente Alberici, che conosco da tanti anni perché giocavamo insieme da giovani, mi ha fortemente voluto qui. Mi piace la sua ambizione e vuole fare le cose a dovere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il nuovo Dpcm chiude Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda Categoria da lunedì

  • Nuovo Dpcm, c'è l'incognita degli allenamenti nei Dilettanti. Nei professionisti tornano gli stadi chiusi

  • Calcio Dilettanti - Con il nuovo Dpcm allenamenti di squadra consentiti solo in forma individuale

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Vigolo e Bobbiese: pari nel derby. Ziano e Gragnano in vetta

  • Calcio Dilettanti - La Lombardia chiude tutto e si ripartirà da gennaio. L'Emilia Romagna pensa alla stessa soluzione

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento