Questo sito contribuisce all'audience di

Fiorenzuola - Marco Tognoni: «Stiamo bene, il nostro approccio non deve cambiare»

Il classe 1994: «La partita più bella? Forse la prima con il Breno, l’esordio è sempre particolare: siamo rimasti in dieci quasi da subito ma abbiamo chiuso con una vittoria. Anche a Ciliverghe siamo riusciti a pareggiare con una partita di sacrificio»

Marco Tognoni

L’allungo sulla corsia di destra, spalla contro spalla con il terzino avversario che prova a strappargli prima qualche metro e poi il pallone. Che però resta lì, pronto per essere catapultato al centro dell’area dove c’è un compagno di squadra prontissimo a sfruttare il cross.
A tessere metri e assist sulla fascia del Fiorenzuola è Marco Tognoni, classe 1994, cresciuto calcisticamente nella Carrarese, distante soltanto una manciata dal suo paese di origine, Montignoso. «E pensare che avevo iniziato come mediano», lo dice con una mezza risata ricordando gli esordi: riesce piuttosto difficile immaginarlo a fare sportellate in mezzo al campo, soprattutto dopo l’ottima prestazione con il Forlì di domenica scorsa. «È stata una partita tosta: loro erano una squadra organizzata e ben messa in campo, non meritano di certo l’attuale posizione in classifica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Tognoni che ha trovato la maglia rossonera soltanto negli ultimi giorni di mercato l’obiettivo è chiaro. «Come attaccante il primo obiettivo è quello di fare meglio sotto il profilo dei gol segnati rispetto all’anno scorso e crescere come giocatore».
La posizione sul fronte offensivo non è affatto un problema per il calciatore toscano reduce dall’ultimo campionato con la maglia del Savona dove ha portato a casa un bottino di 6 reti in campionato e 4 in Coppa Italia. «A Savona ho giocato come punta centrale a due ma posso anche giocare come esterno sinistro - prosegue il giocatore rossonero - Mister e direttore sportivo mi avevano sempre parlato bene di questa realtà: Fiorenzuola è una società seria e stabile, anche i compagni di squadra mi hanno fatto sentire subito a casa. Se gli altri mi danno fiducia riesco a fare bene».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • La Gas Sales Bluenergy va a singhiozzo, Padova vince 3-1. Biancorossi fuori dalla Coppa Italia

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

  • Omicidio a Lecce, ucciso l'arbitro Daniele De Santis. Aveva arbitrato il Piacenza quattro volte negli ultimi anni

  • Lorenzo Bernardi nuovo allenatore della Gas Sales Bluenergy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento