Questo sito contribuisce all'audience di

Fiorenzuola - Luca Baldrighi: «C'è grande empatia tra lo staff tecnico e i ragazzi»

Il team manager dei rossoneri fa il punto sulla prima parte di campionato. «Partivamo per fare bene, certo, ma è stato fatto un gran girone di andata. Bello vedere 200 tifosi in trasferta a seguirci»

Luca Baldrighi

Parte dall’ultimo capitolo per raccontare del Fiorenzuola, inizia dal novantaduesimo minuto della sfida con la Correggese ed il rigore parato da Battaiola che ha significato altri tre punti nei trentacinque complessivi finora conquistati. «Quella di Correggio è stata una vittoria pesantissima: la squadra che parte male, forse per l’attesa della decisione dell’arbitro sulla praticabilità del campo, e che cambia marcia nella ripresa fino all’apoteosi». Il team manager rossonero Luca Baldrighi fatica a nascondere l’entusiasmo mentre parla del cammino di una squadra capace di chiudere il 2019 con il secondo posto in serie D alle spalle di un Mantova carrozzato per il salto di categoria. «Ci tengo a ringraziare a nome della società tutti i tifosi che ci hanno seguito anche domenica a Correggio senza smettere mai di tifare - spiega Baldrighi - Speriamo di averli vicino anche quando affronteremo momenti difficili ma non è facile vedere così tanti tifosi in trasferta (circa 200, NdR) in queste categorie».

L’attuale secondo posto in graduatoria sorprende soltanto a metà il team manager rossonero. «Siamo partiti per fare bene e migliorare la posizione conquistata l’anno scorso - racconta Baldrighi - Non mi aspettavo tutti questi punti ma già nel precampionato la squadra aveva mostrato qualità con tutto lo staff tecnico a trovare subito grande empatia con i ragazzi: in questi mesi si sono creati forti rapporti umani, il gruppo è coeso e molto attento alle direttive dell’allenatore».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un allenatore, Tabbiani, arrivato ad inizio stagione in una società che ha lanciato verso la cadetteria Alessio Dionisi e alla capolista Mantova Lucio Brando confermando il buon occhio rossonero quando si tratta di panchine. «L’avvento di Tabbiani ha significato anche l’arrivo del secondo Cammaroto: si tratta di innesti importanti con grande esperienza: lo si vede sia durante le partite che nel lavoro svolto in allenamento in settimana».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza-Grosseto 0-2: al Garilli decidono i gol di Moscati e Gallicani

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone, CastellanaFontana e Vigolzone ok

  • Prato-Fiorenzuola: 1-0, decide una rete di Ortolini in avvio di gara

  • Gardini: «Amareggiato per la situazione, ma sono certo che la Gas Sales Bluenergy farà una grande annata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento