Questo sito contribuisce all'audience di

Dilettanti - Le ipotesi per la ripartenza, la più accreditata è tornare a marzo e giocare solo il girone di andata

Nella prima videoconferenza con le società di Eccellenza emergono quattro strade ma le prime tre, cioè con ripartenza a gennaio o febbraio, costringerebbero a un considerevole numero di turni infrasettimanale. Disputare solo l'andata e poi playoff/playout appare la strada più accreditata. Mercato: Marco Cavallaro lascia la Real Libertas

striscione_marchini_2018-a1_s-2Si è svolta ieri, nel tardo pomeriggio, la prima videoconferenza organizzata dal Crer dell’Emilia Romagna con le società di Eccellenza per studiare come e quando far ripartire il campionato. Oggi sarà il turno della Promozione poi toccherà alla Prima Categoria mentre le videoconferenze con le società di Seconda e Terza sono in programma la prossima settimana.
Da ieri sera al momento ne è uscito un «nulla di fatto» nel senso che la situazione a livello di diffusione del virus è complicata e in forte aumento, questo fa sì che non si riesca a stabilire ancora nulla di concreto sulla possibile ripartenza dei Dilettanti aprendo di fatto a quattro scenari possibili.
Sul tavolo c’è la possibilità di ripartire a fine gennaio (il 24 o il 31) mentre nelle tre domeniche precedenti si andrebbero a recuperare tutte le gare rinviate nelle prime tre giornate, ipotesi questa che appare irrealizzabile perché difficilmente le squadre potranno tornare ad allenarsi liberamente già a dicembre.
La seconda ipotesi è simile alla prima ma con una differenza, cioè ripartenza il 24 o il 31 gennaio con i recuperi fissati come infrasettimanali tra febbraio e marzo, soluzione che comporterebbe però un considerevole numero di partite al mercoledì per rimanere in linea con la tabella di viaggio.

MENOZZI ILLUSTRA GLI SCENARI POSSIBILI, LEGGI QUI

Il terzo scenario prevede una ripartenza a metà febbraio, anche questa soluzione comporta però delle problematiche in termini di tempo perché ripartendo così tardi si renderebbero necessari ben 14 turni infrasettimanali, una quantità mostruosa per il calcio dilettantistico. Significherebbe giocare ogni tre giorni nei successivi tre mesi.
Il quarto e ultimo scenario è quello che, ad oggi, risulta essere il più plausibile per l’Eccellenza: ripartenza a fine febbraio o inizio marzo, disputa del solo girone di andata e poi il via ai playoff e playout nei mesi più caldi. Da un punto di vista “numerico” di partite da disputare questa risulterebbe essere la via più percorribile ma c’è da capire le società vorranno giocarsi le loro chance giocando solo un girone, cioè la metà della partita.

LEGGI QUI IL DETTAGLIO DELLA QUARTA IPOTESI, QUELLA DI GIOCARE SOLO L'ANDATA

La decisione comunque è stata quella di rinviare la discussione dopo il 4 dicembre, quando scadrà l’ultimo Dpcm varato dal Governo, e si avranno le idee più chiare sulla situazione.

CALCIOMERCATO
Nonostante il Calcio Dilettantistico piacentino sia totalmente fermo al palo per effetto dei recenti Dpcm del Governo, il calciomercato rimane comunque sempre acceso. Si registra la scorsa settimana l’addio del forte portiere Marco Cavallaro dalla Real Libertas, formazione di Seconda Categoria, il numero uno piacentino è quindi in cerca di una nuova formazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento