menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carpaneto: a Salsomaggiore il sogno D...iventa realtà. Storica promozione del club di Rossetti. FOTO

I piacentini sbloccano con Franchi, poi si fanno recuperare non riescono più a tornare in vantaggio ma Folgore Rubiera perde e così può partire la festa.

L’1-1 del campo non permetteva di scatenare automaticamente la gioia. Serviva conoscere il risultato di Bagnolese-Folgore Rubiera, così solo un minuto di attesa dentro il rettangolo di gioco, poi l’urlo liberatorio in tribuna del presidente Giuseppe Rossetti: la Vigor Carpaneto è in serie D. La società biancazzurra scrive la pagina più alta della propria storia e festeggia la vittoria con due giornate di anticipo del campionato di Eccellenza sul campo di Salsomaggiore. Curiosamente, lì poco meno di due anni fa si disputò il primo match di Coppa Italia (perso dalla Vigor) nella massima serie regionale. Il “Salso” porta bene, evidentemente: con il successo dell’andata contro i termali, infatti, la squadra di Mantelli si era laureata campione d’inverno. Ora, a distanza di un girone, il ben più importante traguardo del salto in serie D, che è anche il quarto  scalino in cinque anni nell’era presidenziale di Giuseppe Rossetti.
Fino alla resa dei conti in terra parmense, la Vigor ha dimostrato di essere la più forte: 74 punti conquistati in 32 partite, frutto di 22 vittorie, 8 pareggi e solo due sconfitte, patite in avvio di ritorno contro la Folgore Rubiera e successivamente contro il Carpineti. Inoltre, miglior attacco con 63 reti e difesa meno perforata (21 gol subiti), numeri che la dicono lunga sulla supremazia biancazzurra, con la squadra di Alberto Mantelli capace di vincere una categoria complessa come l’Eccellenza, conosciuta solamente l’anno scorso con un quarto posto utile per mettere le basi in vista dell’impresa.

Trascinata dai gol di bomber Luca Franchi (25 centri in campionato), la Vigor ha saputo piegare alla lunga la tenacia della Folgore Rubiera, rivale reggiana ultima ad arrendersi mentre nella prima parte del campionato i “cugini” del Nibbiano e Valtidone, insieme inizialmente alla Sanmichelese, sembravano essere l’avversario da tener d’occhio per poter ambire alla serie D. Serie D che è stata conquistata grazie a un allenatore senza dubbio preparato e che ha saputo gestire in modo eccellente il gruppo, vera forza del Carpaneto. Se è vero da un lato che in rosa fioccavano le individualità di valore per la categoria, dall’altro è indubbio come il collettivo sia stato un’arma in più a favore dei piacentini. Diversi i segnali: match difficili sbloccati, alcuni rimontati e tanti ragazzi a segno o autori di buone prestazioni, anche magari dopo aver giocato pochi minuti nelle partite precedenti. Insomma, un vero e proprio capolavoro che ha saputo realizzare il sogno-obiettivo della scorsa estate, scrivendo la pagina fin qui più prestigiosa della storia societaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento