Dilettanti

Annullati i Daspo emessi a maggio nei confronti di tecnico e giocatori dello Sporting Fiorenzuola

Lo comunica la stessa società in una nota ufficiale. "Ci siamo voluti far carico di porre in essere i ricorsi in tutte le sedi previste, proprio perché venisse fuori la verità"

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato dello Sporting Fiorenzuola

Lo Sporting Fiorenzuola, al termine di una battaglia intrapresa a colpi di carta bollata, è lieta di comunicare che i propri tesserati colpiti da Daspo nel mese di maggio a seguito di alcuni fatti accaduti al termine della partita di campionato di prima categoria Rottofreno-Sporting Fiorenzuola sono stati riabilitati per l’annullamento del provvedimento in argomento.
La vicenda, all’epoca dei fatti, ebbe assoluta risonanza mediatica, siti e quotidiani locali riportarono i fatti, ingigantendo non poco quanto realmente accaduto, facendo sì che la questione assumesse una dimensione del tutto distorta. Tutto questo, portò le autorità di pubblica sicurezza competenti ad adottare il provvedimento di Daspo per il nostro allenatore e per due nostri giocatori. I provvedimenti adottati, limitanti la libertà personale, erano da subito parsi non coerenti con quello che, di fatto, si era verificato in campo. Pertanto, nell’immediatezza ci siamo voluti far carico di porre in essere i ricorsi in tutte le sedi previste, proprio perché venisse fuori la verità, mai, infatti, avremmo
potuto prendere le difese dei nostri tesserati laddove vi fossero stati dei reali comportamenti violenti ed antisportivi, ma, data la situazione abbiamo voluto sostenere i nostri ragazzi.

Oggi dopo mesi d’incertezze e preoccupazioni finalmente questo incubo è terminato nel migliore dei modi, quindi mister Marcello Agosti sarà regolarmente alla guida del gruppo per la stagione 2022/2023 e potrà continuare a contare tra le proprie fila Fabio Orsi e Raffaele Testa.
Veniamo fuori da questa vicenda danneggiati si nell’immagine, ma più forti di prima e con la consapevolezza che il calcio dilettanti vada tutelato, perché casi come il nostro non accadano più, nella situazione economica che attraversa il nostro sport, affrontare spese non preventivate come quelle per un ricorso al Tar potrebbe minare la stabilità di molte realtà sportive.
C’è comunque un pizzico di rammarico per aver registrato la totale mancanza di solidarietà da parte di coloro i quali avrebbero potuto “scagionarci” fin da subito evitandoci una trafila burocratica lunga ed onerosa. E’ doveroso infine, un cenno di ringraziamento allo studio legale “Mangia –Marzolini” che tecnicamente ha condotto con professionalità e sensibilità questo percorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Annullati i Daspo emessi a maggio nei confronti di tecnico e giocatori dello Sporting Fiorenzuola
SportPiacenza è in caricamento