rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Calcio

Dilettanti - Il punto: piacentine al comando

Siamo tutti primi in classifica. Dalla serie D alla promozione le squadre piacentine volano in testa alla classifica e dopo tanti anni i campionati dilettanti parlano piacentino. In Serie D non mi stupisce l’Atletico primo in classifica...

Siamo tutti primi in classifica. Dalla serie D alla promozione le squadre piacentine volano in testa alla classifica e dopo tanti anni i campionati dilettanti parlano piacentino.

In Serie D non mi stupisce l’Atletico primo in classifica, l’avevo detto un paio di mesi fa; la squadra di Franzini è forte, gioca bene e merita il primato. Ma chi ha un giocatore come Piccolo in questa categoria? Molti sono bravi, ma il centravanti rossonero ha qualcosa in più della media, una classe cristallina gli permette di segnare gol a raffica come la doppietta di domenica scorsa al Fidenza. Certo ha ragione il mister Franzini quando dice che è una squadra pazza la sua, evidentemente piace ai giocatori andare sotto di due gol per poi rullare gli avversari. Agli spettatori sicuramente non dispiace, vedere giocare l’Atletico diverte anche se per il prosieguo del campionato sarebbe sempre meglio passare in vantaggio che andare sotto. I ragazzi di Tacchini potrebbero giocare il 16 dicembre contro la Spal al Garilli: il pubblico piacentino è avvisato.

Squadra pazza anche quella della Lupa Piacenza che vince una brutta partita con il Bibbiano, sbaglia tanto ma alla fine è così forte che vince la gara al minuto 95. Avere poi mille persone che tutte le domeniche incitano i propri giocatori è sicuramente importante e crea veramente il dodicesimo uomo in campo. Non è un campionato facile quello di Eccellenza, occorre fare sempre molta attenzione su ogni momento della partita, ma adesso godiamoci la testa della classifica insieme alla Correggese, altre squadre non ce ne sono per poter competere con i biancorossi, Rolo compreso.

Sono andato a visionare il campionato di Promozione dopo tre anni che non lo vedevo e devo dire che quello che mi avevano detto riguardante il livello medio basso del campionato si è rivelato corretto. A Borgonovo sembrava che la Meletolese prima in classifica fosse la squadra in cerca di punti per salvarsi considerato che ha giocato quasi 90 minuti in difesa, squadra quadrata ma lenta nella manovra, che gioca prevalentemente per non perdere, con poca qualità. Insomma: ho visto una capolista di basso livello, quindi credo che la Castellana che gioca sicuramente un bel calcio, diverte e fa punti possa veramente dire la sua per vincere questo torneo. I ragazzi di Viciguerra vantano poi il centravanti Piccetti che è un lusso per questa categoria. Facciamo i debiti scongiuri ma la Castellana ha in mezzi per andare molto lontano primo perché se lo merita e secondo perché dopo tanti anni Castelsangiovanni ha bisogno di una squadra ai vertici dei campionati dilettantistici. Peccato per la Bobbiese che interrompe una bella fila di vittorie consecutive e perde a Castelnovo. Ma ci può stare, i parmigiani sono una bella squadra.

Non so se la fuga del Soragna è già quella definitiva ma con 25 punti in classifica la squadra parmense ha fatto il vuoto. Vincere con cinque reti di scarto a Cortemaggiore non è da tutti, sinceramente non capisco come il Corte stia facendo così male in questo campionato che doveva vederla protagonista. Le assenze pesano sicuramente ma prendere otto gol in due partite mi sembrano troppi. Come troppi sono gli errori commessi dalla Pontenurese contro la Valtidone che ringrazia e porta a casa la prima vittoria. Un superlativo Nicotti e un grande Viani insieme al “sempreverde” Alberici regalano ai ragazzi di Cornelli la prima vittoria in questo campionato. Bel calcio, divertente e tanto cuore per la felicità di tutta la società valtidonese. Altra squadra in crisi sembra il Gotico che perde ancora contro il buon Rottofreno di Biolchi, nell’occasione un bel di Casulli regala la vittoria ai suoi ma nonostante la presenza contemporanea di Sartori, Raffo e Dabusti i piacentini sono costretti ad ammainare nuovamente bandiera bianca. Dieci punti di svantaggio dalla prima dopo dieci partite di campionato sono troppi.

Importantissima la vittoria del Villanova a San Secondo, il cambio allenatore avvenuto in settimana sembra avere fatto bene, tre punti pesantissimi per un ben arrivato al nuovo mister Maia. Muove la classifica il Fontana, bene perché a Parma contro l’Aurora non è mai facile per nessuno. Molti i rinvii in Seconda e in Terza categoria, l’Agazzanese continua a vincere mentre la Sarmatese dell’ottimo tecnico Grassi impone un pareggio al divertente e bravo Gazzola dell’altro ottimo allenatore Reboli: bella partita.
Massimo Mazza
(foto Galli)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dilettanti - Il punto: piacentine al comando

SportPiacenza è in caricamento