Questo sito contribuisce all'audience di

Baldrighi: «Il calcio? C'è tempo per parlarne. Adesso pensiamo a mettere in sicurezza chi lavora in prima linea e prova a sconfiggere il virus»

Il team manager del Fiorenzuola: «Penso che la situazione di emergenza sia stata sottovalutata». Sulla stagione: «Non mi interessa la classifica, vorrei riprendere solo perché significherebbe che siamo tornati alla normalità. Ma sarà dura»

Luca Baldrighi, consigliere e team manager del Fiorenzuola e titolare della Nuova Caser

Luca Baldrighi è una delle anime del Fiorenzuola. Dirigente, team manager, consigliere, sponsor, trovate un ruolo e lui ce l’ha. Ma soprattutto è un grande appassionato dei colori rossoneri, quegli stessi colori che per ora sono accantonati in un angolo della mente, concentrata in uno dei momenti più tragici nella storia del nostro territorio. «Con i giocatori – spiega al telefono - ci sentiamo tutti i giorni, la preoccupazione più grande è lo stato di salute di ognuno di noi. A Piacenza stiamo perdendo tantissime vite umane, lo sport in questo periodo è l’ultimo problema della lista».

Titolare, insieme al fratello Daniele (vicepresidente del Fiorenzuola) della Nuova Caser, ha dimostrato con i fatti di mettere sempre la salute al primo posto. «In azienda abbiamo un doppio canale, vendita al dettaglio e all’ingrosso. Il negozio è stato chiuso il 12 marzo, ben prima che arrivassero gli obblighi previsti dai decreti, per nostra scelta. C’erano troppe incognite e si iniziava a comprendere la misura di un vero e proprio disastro, non volevamo mettere in pericolo nessuno».

Ma con l’ultima norma della Presidenza del Consiglio, che di fatto obbliga Baldrighi a chiudere per altre due settimane, nascono nuovi problemi. «Noi riforniamo aziende del settore alimentare ed energetico, già ieri abbiamo avuto telefonate di clienti che ci chiedevano strumenti per loro indispensabili. Come ci muoviamo? Ci siamo rivolti alla Prefettura per capire cosa possiamo fare senza ovviamente violare alcun decreto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché in effetti in questo periodo la comunicazione è stata gestita in modo particolare. «Non si può annunciare una chiusura il venerdì sera per il lunedì, non è possibile organizzarsi in tempo. Il problema secondo me – racconta Baldrighi – è che nessuno si aspettava un’emergenza simile, lo dimostra la difficoltà attuale di avere tamponi ed esami anche solamente per il personale sanitario, vale a dire chi ne avrebbe assoluto bisogno perché lavora in prima linea e deve farlo in assoluta sicurezza. Allargo il discorso: penso che se ci avessero messo da subito in zona rossa forse oggi non staremmo pagando un tributo così alto di vite umane».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • I migliori anni - Si torna indietro di 17 stagioni

Torna su
SportPiacenza è in caricamento