Questo sito contribuisce all'audience di

Il Milan di Inzaghi vince il Torneo di Viareggio

La Primavera del Milan allenata dal piacentino Filippo Inzaghi vince la 66esima edizione del Torneo di Viareggio e, con nove trofei, diventa la squadra più titolata della manifestazione. La finalissima giocata a Viareggio è il remake di quella...

Filippo Inzaghi, da allenatore ha vinto il Torneo di Viareggio con la Primavera del Milan
La Primavera del Milan allenata dal piacentino Filippo Inzaghi vince la 66esima edizione del Torneo di Viareggio e, con nove trofei, diventa la squadra più titolata della manifestazione. La finalissima giocata a Viareggio è il remake di quella dello scorso anno, vinta dall'Anderlecht, questa volta però è il finale a cambiare con la squadra belga che deve piegarsi al miglior talento del Milan in fase offensiva. La squadra di Inzaghi vince 3 a 1, ma non è stata una passeggiata perché la battaglia si è conclusa solamente ai tempi supplementari. I belgi sbloccano il risultato al 63' con una ripartenza finalizzata alla perfezione da Leya Iseka e per il Milan il match si mette in salita, fino al 71' quando Petagna firma il pareggio con un eurogol: controllo al volo da fuori area e girata di sinistro sul secondo palo (1-1). Si viaggia sul pari fino al 90' con le due squadre che chiudono entrambe in dieci: espulsi Benedicic nel Milan e Bastien nell'Anderlecht per doppia ammonizione. Al 3' del primo tempo supplementare la squadra di Inzaghi mette la freccia: Pinato per Petagna largo a sinistra, cross per Fabbro che da due passi griffa il 2 a 1. Il giocatore però esulta togliendosi la maglietta e viene espulso per somma di ammonizioni, Milan in nove. L'Anderlecht le prova tutte ma è ancora il Milan a segnare: il solito Petagna dà il via all'azione servendo a Mastalli la palla che vale la terza rete.

A fine gara tutte le telecamere e i fotografi sono attorno a SuperPippo, che abbraccia i suoi ragazzi e li porta sotto la curva a ringraziare i tifosi, come faceva quando indossava la maglia rossonera numero 9. «I ragazzi - spiega subito dopo il trionfo - sono stati fantastici e devo ringraziare tutti i nostri tifosi perché sembrava davvero di giocare a Milano, insieme a loro abbiamo creato qualcosa di straordinario. Eravamo ridotti all'osso, abbiamo compiuto un'impresa».

MILAN-FIORENTINA 3-1 dts (1-1 dtr)
Primo tempo 0-0

 
MILAN: Gori; Calabria, De Santis, Pacifico, Tamas, Mastalli, Modic, Benedicic, Bende Bende (37' pt Pinato), Petagna, Vido (24' st Fabbro). A disposizione: Ferrari, Piccinocchi, Iotti, Di Molfetta, Simic, Saporetti, Cernigoi, Pedone, Barisic, Aniekan, Livieri. All.: Inzaghi.
 
ANDERLECHT: Gies; Carvalho (8' pts Mikal), Isci, Matthys, Haagen, Dendoncker, Bastien, H'Maidat (40' st Kindermans), Soumaré (1' sts Lapage), Jaadi, Leya Iseka. A disposizione: Bossin, Falsaperla, Bourard. All.: Peeters.

RETI: 18' st Leya Iseka (A), 26' st Petagna (M); 3' pts Fabbro (M), 9' pts Mastalli (M)
 
ARBITRO: Orsato di Schio
 
NOTE - Espulsi: Benedicic (M) al 30' st., Bastien (A) al 33' st. e Fabbro (M) al 3' pts. Ammoniti: Vido (M), Soumaré (A), Haagen (A). Angoli: 7-4. Recuperi: 1' pt. e 2' st. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento