Questo sito contribuisce all'audience di

Filippo Colla, presidente di Confindustria giovani, presenta il Torneo di calcio in Piazza Cavalli

Andrà in scena il 14 maggio la seconda edizione di Confindustria in Campo, Torneo corporate organizzato dal Gruppo Giovani Industriali di Confindustria Piacenza che si terrà, come nella passata, nel salotto di Piazza Cavalli

Filippo Colla, presidente del Gruppo Giovani Industriali Piacenza e primo promotore dell’evento

Andrà in scena il 14 maggio la seconda edizione di Confindustria in Campo, Torneo corporate organizzato dal Gruppo Giovani Industriali di Confindustria Piacenza. Ecco le squadre che già hanno dato la loro adesione: Colla SpA, Paver Costruzioni SpA, Fiorani e C. SpA, Jobs Automazione SpA, Teco SRL, TAL SpA, Banca Mediolanum, Valcolatte Srl, Antas Srl, Fornaroli Polymers SpA, Rolleri Manufactoring Srl, Safta SpA, Cima SpA, Dell'Orto SpA, Musetti Srl, Steel Acciai Speciali SpA. Dottor Filippo Colla, presidente del Gruppo Giovani Industriali Piacenza e primo promotore dell’evento fin dalla passata edizione ci racconta le novità del 2017.

Presidente, Confindustria tramite i suoi Giovani imprenditori propone la seconda edizione di “Confindustria in Campo”. Un torneo di calcio in Piazza Cavalli quale vetrina e occasione di interazione tra le aziende e il territorio.

«Abbiamo deciso di riproporre una seconda edizione di questa iniziativa che lo scorso anno ha avuto un grandissimo successo. L’intento è quello di trasmettere alle imprese un valore di fondamentale importanza: il fare squadra. Il calcio, infatti, ci insegna quanto sia decisivo creare un gruppo coeso per poter raggiungere un buon risultato. Le nostre imprese troppo spesso agiscono come un fuoriclasse solitario e, in questo modo, trovano grandissime difficoltà a vincere le competizioni dei nuovi mercati. Il fare squadra deve valere non solo all’interno delle imprese, ma anche e soprattutto all’interno di uno stesso territorio. Per questo motivo abbiamo deciso che la competizione si tenesse ancora in Piazza Cavalli proprio per sottolineare, in modo simbolico, la vicinanza di Confindustria e delle imprese alla nostra città».

Oltre 16 aziende tra cui spiccano eccellenze del nostro territorio, se volessimo parafrasare il tutto potremmo dire che per le aziende piacentine è oggi il tempo di mettersi in gioco ancora di più?

«Stiamo vivendo una situazione economica di grandissima concorrenza che, proprio come una grande competizione sportiva, ci stimola di continuo a metterci in gioco e a innovare le nostre imprese. Come nel calcio, mettersi in gioco significa mettere in discussione ogni cosa, cercando di creare continuamente nuovi moduli e nuovi assetti organizzativi per confrontarci al meglio con i nostri rivali. L’azienda, così come una squadra di calcio deve infatti imparare ad essere versatile, modificando tutto quanto occorre per eliminare inefficienze».

Abbiamo notato che parteciperà anche l'azienda brianzola Dell’Orto SpA, il cui presidente è ai vertici di Assolombardia: i giovani industriali piacentini vogliono costruire "ponti" con altre imprenditorie fuori dai nostri confini?

«Di fronte alle nuove sfide è davvero importante per le nostre imprese rompere ogni campanilismo e stringere legami con le altre aziende italiane. Proprio per evitare che l’invito ad un’integrazione all’interno del territorio potesse essere intesa come una chiusura verso l’esterno, abbiamo invitato una grandissima impresa lombarda. Siamo sicuri che dalla partecipazione di Dell’Orto Spa nascerà una proficua collaborazione sia a livello di gruppo giovani di Confindustria sia a livello di imprese».

Presidente sappiamo, infine, che "Confindustria in Campo" ha anche un fine benefico: anche in questa edizione sarà donato un defibrillatore grazie alla partnership con "Progetto Vita Onlus".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il fine benefico è un aspetto centrale della competizione. Confindustria e il Piacenza calcio sono molto vicini alle esigenze sociali della città di Piacenza e vogliono farsi carico di portare un aiuto concreto. Siamo consapevoli che questo contributo non è sufficiente, però vorremmo che esso funga da esempio e stimolo per spingere le imprese ad un intervento più profondo nel sociale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Piacenza-Olbia: 1-1 il missile di Corradi al 90' vale il pareggio

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento