Giovedì, 28 Ottobre 2021
Calcio

Fallimento Pro Piacenza - Il Comune si accolla il mutuo di 212mila euro del campo Siboni

Il club rossonero era moroso per 6mila euro e non ha più risposto ai solleciti del Credito Sportivo che si è rivolto, secondo gli accordi del 2012, al Comune di Piacenza che ha versato direttamente l'intera somma e risparmiando così 22mila euro.

L’assessore al bilancio Paolo Passoni ha reso noto che l’ente si accollerà l’onere di estinguere in un’unica tranche il mutuo che la società calcistica “Pro Piacenza” – fallita nei giorni scorsi – aveva contratto con il Credito sportivo per il campo “Siboni”. Secondo un accordo intrapreso dalla Giunta Dosi e la società nel 2012, in caso di convenzione-concessione decaduta per il Siboni, il Comune si sarebbe accollato il debito. E così è andata: nel marzo 2019 la società rossonera è stata radiata causa le note vicende sportive. Si è poi scoperto che nel corso del 2018 era morosa per 6mila euro di rata. A seguito della revoca non ha più provveduto, nonostante i solleciti del Credito Sportivo – che poi ha scritto al Comune di Piacenza – a versare alcunché. L’assessore Passoni ha scelto di pagare subito il mutuo (che è di 43mila euro all’anno), versando una somma di 212mila euro, risparmiando così 22mila euro. Il Comune non può rifarsi sulla società, nel frattempo fallita.

Qui l’articolo completo de ilpiacenza.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento Pro Piacenza - Il Comune si accolla il mutuo di 212mila euro del campo Siboni

SportPiacenza è in caricamento