rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Calcio

La Sarmatese: «Il ragazzo contagiato sta bene, tutti i compagni in quarantena non accusano sintomi»

Il presidente Buttafuoco: «Abbiamo rispettato in pieno gli ordini dei medici. Fino al 7 marzo una decina di giocatori bloccata in casa, speriamo di tornare presto alla normalità»

«La cosa più importante è che il ragazzo contagiato dal coronavirus adesso stia bene. E tutti i suoi compagni in quarantena non accusano alcun tipo di problema».

Giovanni Buttafuoco, presidente della Sarmatese, tira un sospiro di sollievo. Ha buona parte della squadra bloccata dall’emergenza coronavirus, ma la situazione sanitaria gli permette di essere tranquillo. «Il ragazzo contagiato ha accusato tre giorni di febbre che ora è passata, tutti gli altri sono costantemente sotto controllo ma per ora nessuno ha registrato un rialzo della temperatura».

Ovvio che un pizzico di apprensione ci sia stato. «E’ una cosa nuova per tutti, non sapevamo bene come gestirla, anche se ovviamente ci siamo attenuti in tutto e per tutto a quanto ci hanno ordinato i medici. Da parte nostra, oltre a mettere in quarantena i ragazzi, abbiamo provveduto a disinfettare gli spogliatoi, ma più di così davvero non possiamo fare».

Tutte le persone coinvolte, complessivamente una decina, si affidano a messaggi e telefonate per aggiornare sulle proprie condizioni. «L’autorità ha deciso di mettere in quarantena solamente chi è stato a stretto contatto con il ragazzo, andando anche a cena dopo l’allenamento. Per altri della squadra che hanno svolto una seduta differenziata o erano assenti non ci sono state misure particolari».

Adesso in casa Sarmatese si attende con ansia il 7 marzo, giorno in cui tutti potranno tornare alle proprie attività e soprattutto, con il via libera delle istituzioni, riprendere gli allenamenti. «La cosa più importante – conclude Buttafuoco - è la salute. Aspettiamo i tempi necessari e poi riprenderemo la nostra attività. Abbiamo già informato la Figc visto che l’11 avremmo avuto l’impegno di Coppa con l’Arsenal, attendiamo notizie sulla data del recupero perché vogliamo che tutto torni alla normalità non appena possibile».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Sarmatese: «Il ragazzo contagiato sta bene, tutti i compagni in quarantena non accusano sintomi»

SportPiacenza è in caricamento