Questo sito contribuisce all'audience di

Cristiano Ronaldo-Juventus: è fatta. Dietro l'affare del secolo c'è anche il piacentino Fabio Paratici

Il direttore sportivo della Juventus ha rifinito l'operazione insieme al dg Marotta, oggi Andrea Agnelli è volato in Grecia e ha concluso la trattativa. Si tratta dell'affare del secolo: al portoghese 31 milioni di euro netti a stagione per 4 anni, al Real 100

Fabio Paratici, a maggio ha festeggiato il settimo scudetto con la Juventus (foto Trongone)

Ore 17.32, il Real Madrid esce con un comunicato stampa precisando che è stato Cristiano Ronaldo a manifestare la volontà di trasferirsi alla Juventus. E’ fatta. L’affare del secolo, che occupava ormai stabilmente le prime pagine dei principali giornali sportivi italiani, è ufficiale. CR7 è della Juventus per un cifra vicino ai 105 milioni di euro - come riporta Gazzetta.it, 100 al Real e 5 di solidarietà alla Uefa - e questa diventa una data che rimarrà nella storia del nostro calcio perché la Serie A, finalmente, riabbraccia uno dei tre o quattro calciatori più forti del pianeta, e ora rimane solamente da capire la data in cui il portoghese sbarcherà a Torino.
Dietro all’affare del secolo però c’è anche un piacentino, di Borgonovo più precisamente, è il nostro Fabio Paratici, direttore sportivo della Juventus che ha registrato tutta l’operazione insieme al dg bianconero Beppe Marotta e George Mendes, il procuratore di Cristiano Ronaldo; operazione rifinita stamane da Andrea Agnelli che ha preso un volo per Kalamata (Grecia) dove ha raggiunto l’entrourage del giocatore affondando il colpo.
Marotta e Paratici però avevano definito il tutto qualche giorno fa, c’era il «sì» del giocatore per 31 milioni di euro netti all’anno per quattro anni e senza l’intervento di sponsor - impossibile entrare nel brand CR7 - sembrava fantascienza ma alla fine l’affare si è fatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Terminate le videoconferenze con le società di calcio dilettantistico: fino al 3 dicembre impossibile prendere decisioni

  • Un Piacenza decimato dal Covid ha ripreso gli allenamenti, difficile che venga rinviata la gara con la Giana Erminio

  • Il Bertocchi diventa un campo all'inglese: erba artificiale, tribuna ampliata e coperta

  • Miozzo (Cts): «Palestre, piscine e centri sportivi non riapriranno per Natale»

  • Il Piacenza fa la conta per la sfida di mercoledì contro la Giana Erminio. Sono 14 gli indisponibili

Torna su
SportPiacenza è in caricamento