Questo sito contribuisce all'audience di

Consiglio Federale rovente, ma quante novità per la C: cinque sostituzioni e quattro retrocessioni in meno

Con 56 squadre anziché 60 andranno ridefiniti play off e play out. Il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, furioso per i mancati ripescaggi: «La Figc va al contrario»

Cinque sostituzioni e non più tre, solo cinque retrocessioni in serie D, play off e play out da ridefinire per consentire alle squadre dei tre gironi - uno da 20 e due da 18 - di avere le stesse probabilità di promozione o retrocessione. La serie C - ex Lega Pro - esce stravolta dal Consiglio Federale Figc di venerdì, che è stato caratterizzato da polemiche roventi, con primo protagonista il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, Damiano Tommasi, che a un certo punto ha abbandonato l’assemblea. E’ stato meglio di un thriller ben riuscito il Consiglio Federale di ieri. Ma riavvolgiamo il nastro e andiamo con ordine. 

L’unica decisione condivisa da quasi tutte le parti è stata quella di ampliare il numero delle sostituzioni: dalla prossima serie C gli allenatori potranno fare cinque cambi, ma in tre momenti, onde evitare che si sfrutti la cosa per perdere tempo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Consiglio doveva poi decidere sulle domande di ripescaggio: è arrivato il sì per la Triestina, mentre il Rende è rimasto fuori a causa di una fideiussione non accettata dalla Covisoc. Il numero di squadre ammesse è sceso da 57 a 56. Quindi si doveva votare per l’allargamento dei ripescaggi ad altre realtà che avevano fatto domanda. Aic e Lega Pro - con in testa il presidente Gravina - spingevano per questa opzione al fine di riportare il format a 60. Mentre Tavecchio e la sua maggioranza (che comprende i voti di allenatori, Lega dilettanti, arbitri e allenatori), che vorrebbero una serie C con meno squadre, hanno votato in blocco “no”. La cosa ha mandato su tutte le furie l’Aic, che pure si è scagliata contro la decisione di prorogare la scadenza dei pagamenti degli stipendi di giugno: dal 16 agosto al 21 settembre. Proprio Tommasi, in polemica, ha postato così sul suo profilo Twitter mentre abbandonava l’assemblea: «Lega Dilettanti e allenatori hanno detto no a ripescare...e sì a spostare i controlli!!! Figc che va al contrario».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

  • Piacenza - Se ne va la "voce" che ci scaldava il cuore allo stadio, ci lascia il mitico Pio Bosini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento