Questo sito contribuisce all'audience di

Osti: «Il virus ci ha portato via le nostre radici, ma Piacenza è una città che ha sempre sofferto e lottato»

Il direttore sportivo della Sampdoria in un'intervista alla Gazzetta dello sport parla della nostra città, in cui vive da anni: «Lo dice la storia, questa è la Primogenita d'Italia»

«Il virus ci ha portato via le nostre radici e la nostra memoria». Carlo Osti parla alla Gazzetta dello sport e in un’intervista di Filippo Grimaldi racconta della situazione di Piacenza, la sua «città d’adozione». Il direttore sportivo della Sampdoria, 62 anni, dal 2012 è in blucerchiato dopo essere stato dirigente anche dell’Atalanta.

«Da noi – racconta alla Rosea – l’allarme è scattato subito perché siamo a 10 chilometri da Codogno, tanti lodigiani lavorano nel piacentino e viceversa».

Poi arriva una domanda che chiama in causa Giorgio Armani: lo stilista ha definito Piacenza come una città “riservata, silenziosa ma pronta a combattere”. E la risposta di Osti testimonia l’attaccamento al nostro territorio. «Lo dice la storia. Questa è la Primogenita d’Italia, ha sempre sofferto e lottato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento