menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Secondo la procura il rigore di Doni era «accordato» con Cassano

Secondo la procura il rigore di Doni era «accordato» con Cassano

Calcioscommesse - La partita «venduta» due volte

Una partita venduta due volte, questo è Atalanta-Piacenza del 19 marzo 2011, un match di Serie B che può essere innalzato sul piedistallo delle prove inconfutabili che il calcio italiano è malatissimo, o almeno lo è stato. E' anche la prova, se...

Una partita venduta due volte, questo è Atalanta-Piacenza del 19 marzo 2011, un match di Serie B che può essere innalzato sul piedistallo delle prove inconfutabili che il calcio italiano è malatissimo, o almeno lo è stato. E' anche la prova, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che la retrocessione del Piacenza in Lega Pro fu il frutto di accordi illeciti: da lì iniziarono i mali sfociati nella fantomatica cessione societaria e nel successivo fallimento. A primavera ci sarà la prima udienza, il processo penale partirà in autunno. Il pm Di Martino ha deciso che Gervasoni, Cassano e Conteh dovranno rispondere dell'accusa di «associazione a delinquere», Rickler e Catinali di «frode sportiva».

Su Atalanta-Piacenza ci sono decine di intercettazioni, pagine dettagliate nomi, luoghi e cifre. Il match con gli orobici, da quanto si legge nell'ordinanza, è stato venduto e rivenduto. Carlo Gervasoni aveva preso accordi con gli Zingari di Gegic e Ilievski, nel frattempo, attraverso un contatto procurato da Rickler, Gervasoni e Cassano si incontravano anche con i fratelli Cossato. «Cassano e Gervasoni presero 80-90mila euro dagli Zingari (da spartire con Conteh) e Rickler comunicava che i fratelli Cossato avevano pronti altri 90mila euro».

Per Atalanta-Piacenza e Siena-Piacenza le transazioni in denaro erano avvenute direttamente nell'albergo dove alloggiavano gli emiliani in ritiro. Gegic e Ilievski si presentarono nell'hotel a Bergamo con 90mila euro per incontrare Gervasoni, mentre la sera prima della partita di Siena-Piacenza Ilievski, insieme a Trajkovski, si reca nell'albergo dove pernotta il Piacenza per consegnare a Gervasoni, Cassano e Catinali 60mila euro.


CODACONS - Tutti i tifosi, gli scommettitori, coloro che hanno acquistato biglietti e abbonamenti stadio per seguire la proprio squadra o che hanno acquistato la visione di partite tramite pay-tv, possono ottenere il rimborso di quanto speso, oltre al risarcimento per il danno morale subito spiega il Codacons.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento