menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio - Parma e Chievo rischiano la A, Cesena e Bari saltano, la C perde altri club e c'è il caos ripescaggi

Luglio bollente per la Figc alle prese con numerosi casi spinosi in tutte le categorie principali del calcio italiano che va sempre più a rotoli.

Pensare a un’estate serena sarebbe stato troppo, ma nemmeno attendersi un luglio così bollente sul fronte iscrizioni. Non basta l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus o il tentativo del Napoli di prendere Benzema per parlare di “rinascimento del calcio italiano” anzi, le notizie che si susseguono di ora in ora suggeriscono un sistema pallone tricolore che va sempre più a rotoli. Siamo al 17 luglio, la Figc rispetterà le scadenze ed entro fine mese si avranno gli organici dei 5 principali campionati (Serie A, Serie B e i tre Gironi di Serie C) ma le istituzioni del nostro calcio devono correre forte, perché la situazione è ingarbugliata.

Che succede in Serie A? La Procura Federale ha chiesto due tipologie di penalizzazioni per il Parma, coinvolto per responsabilità oggettiva per il caso che riguarda i messaggi whatapp che il giocatore Calaiò ha spedito al collega Filippo De Col prima di Spezia-Parma. La Procura ha chiesto 2 punti di penalizzazione per il Parma sul campionato di B 2017/2018, sanzione che farebbe sfumare la promozione in A. In alternativa 6 punti sul campionato 2018/2019, si partirebbe con un -6 ma almeno la massima serie sarebbe salva.
C’è poi il caso del Chievo Verona, accusato di plusvalenze fittizie che avrebbero reso regolare il bilancio delle ultime tre stagioni: la Procura chiede il -15 sulla stagione 2017/2018 e la conseguente retrocessione in Serie B. Alla finestra stanno Palermo e Crotone, sono loro ad aver diritto alla Serie A se Parma e Chievo fossero retrocesse.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento