menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Calciomercato - Colpo Carpaneto: preso Piccolo - 1

Calciomercato - Colpo Carpaneto: preso Piccolo - 1

Calciomercato - Colpo Carpaneto: preso Piccolo

Sensazionale colpo di mercato del Carpaneto che riesce a strappare alla concorrenza del Crema (Eccellenza Lombardia) l'attaccante Michele Piccolo, in uscita dal Fiorenzuola, che il prossimo anno dunque giocherà alla corte di mister Lucci...

Sensazionale colpo di mercato del Carpaneto che riesce a strappare alla concorrenza del Crema (Eccellenza Lombardia) l'attaccante Michele Piccolo, in uscita dal Fiorenzuola, che il prossimo anno dunque giocherà alla corte di mister Lucci. L'annuncio sarà ufficializzato ad ore, tuttavia l'accordo nero su bianco ormai c'è. Non si ferma qui però il Carpaneto che vuole per l'attacco anche il bomber del Fidenza, DelPorto. In uscita invece c'è Fornaciari che si è accordato con l'Agazzanese (Promozione) che ha preso nei giorni scorsi Luca Franchi dal Fiorenzuola.
Massimo Marandolani sarà il preparatore dei portieri del Nibbiano mentre Cavi del Vigor Carpaneto.

Nato il primo settembre 1985 a Badia Polesine (Rovigo), Michele Piccolo arriva dalla stagione in serie D a Fiorenzuola, maglia che aveva già indossato nella stessa categoria nel 2011-2012. In mezzo, due stagioni al Pro Piacenza, l'ultima delle quali culminata con il salto tra i professionisti. In precedenza, le esperienze a Pizzighettone (C1, C2 e serie D) e Prato (C1) dopo il settore giovanile nel Milan. Attualmente, Piccolo sta perfezionando gli studi in Scienze motorie, dove è a un passo dalla laurea magistrale.
"Ho esordito - spiega il nuovo acquisto della Vigor Carpaneto 1922 - in serie A nella stagione 2002-2003 in occasione di Piacenza-Milan: sono partito titolare, era la partita precedente alla finale di Champions League contro la Juventus e mister Ancelotti schierò diversi giovani, tra cui il sottoscritto. Ovviamente, fu una bellissima emozione per me".
Una partita da ricordare a Piacenza, una zona che poi diventata "tua".
"Ho giocato tanti anni a Pizzighettone, non distante da questa città, poi ho vestito le maglie del Pro Piacenza e del Fiorenzuola. Forse era scritto nel destino".
Negli ultimi giorni sei stato al centro del mercato dilettantistico, tra un possibile nuovo accasamento e la conferma a Fiorenzuola dopo la partenza di Franchi. Come hai vissuto questo momento?
"Ho vissuto il mercato in tranquillità e ho fatto le mie valutazioni. Il presidente Rossetti ha mostrato l'intenzione di allestire un'ottima squadra e poi ho visto il primo acquisto, quello di Simone Fumasoli, mio grande amico".
Inoltre, hai già lavorato con Lucci.
"Conoscevo il presidente Rossetti, il direttore generale Elio Bravi e mister Lucci dall'esperienza a Fiorenzuola; ho già avuto modo di lavorare con questo allenatore e conosco alcuni giocatori".
Scendi in Eccellenza pur avendo avuto probabilmente la possibilità di rimanere in D: cosa ti ha spinto a scegliere Carpaneto?
"Ho visto un progetto interessante; giocare la D sarebbe stato un qualcosa in più, ma la grande volontà di far bene della Vigor mi ha portato a compiere questa scelta. Guardando da fuori la scalata del Carpaneto in questi anni, si è visto che si è lavorato molto bene, con acquisti oculati e scelte azzeccate in termini di giocatori, allenatori e persone in società: bisogna darne merito".

Quali sono infine le tue caratteristiche di attaccante?
"Posso giocare un po' ovunque in attacco, sia come prima sia come seconda punta. Recentemente ho giocato più da primo attaccante, ma mi adeguo alle caratteristiche della rosa e garantisco la mia massima disponibilità all'allenatore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento