menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Spes Borgotrebbia: «Rispettiamo tutte le regole, ma non ci arrendiamo perché il nostro è un importante ruolo sociale». VIDEO

Tutti i tesserati in campo («da questa settimana aumentiamo gli allenamenti da due a tre») e il sabato i giochi degli "ottavi di Champions" a cui partecipano decine di ragazzi. «Le famiglie hanno accolto la proposta con entusiasmo»

«Vogliamo che passi un messaggio importante: rispettiamo alla lettera tutte le regole, perché la sicurezza e la salute vengono prima di tutto, ma noi non ci arrendiamo». Francesco Sartori, responsabile del settore giovanile della Spes Borgotrebbia, è al centro del campo in sintetico della società piacentina mentre sul terreno di gioco un gruppo di ragazzi si cimenta negli “ottavi di Champions”. «Le regole attuali non ci consentono di svolgere partite, ma noi proseguiamo comunque con l’attività, così ci siamo inventati una serie di giochi a cui i nostri tesserati prendono parte divisi in squadre chiamati come i club che sono arrivati a giocarsi la fase decisiva della Champions League. Assegniamo dei punti a ogni disciplina, al termine stiliamo la classifica finale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C’è lo slalom, poi una sorta di pallacanestro in cui bisogna centrare dei cerchi calciando il pallone con i piedi, il calciobalilla umano, il calcio tennis con quattro squadre e il tiro in porta. «Abbiamo pensato a ogni “stazione” evitando il contatto fisico, in modo da poter svolgere l’attività in modo tranquillo e regolare. Un sabato c’è spazio per l’attività di base, quello successivo per le squadre agonistiche, in totale partecipano circa 150 ragazzi e abbiamo visto che l’adesione è elevatissima, le famiglie sono contente di far giocare i figli in sicurezza e gli stessi calciatori, anche quelli più grandi che in un periodo “normale” probabilmente non accetterebbero iniziative che non prevedono partite, aderiscono in gran numero».

Spes Borgotrebbia ripresa 3-2

Sul campo, a far rispettare tutti i regolamenti, ci sono gli allenatori e i dirigenti della Spes Borgotrebbia. «I risultati sono molto soddisfacenti – spiega il responsabile tecnico Federico Marzolini – perché siamo consapevoli che per crescere bisogna lavorare di più e meglio. Da quando è stato possibile riprendere gli allenamenti tutti i nostri gruppi si sono trovati due volte a settimana, ma da adesso acceleriamo e torneremo in campo tre volte ogni sette giorni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento