menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il passo avanti del San Giuseppe: «Se ci sarà la possibilità siamo pronti a organizzare tornei giovanili in giugno»

Il direttore sportivo Panzetti: «Adesso è prioritario consentire ai ragazzi di recuperare almeno in parte il lungo stop. Prolungare la stagione in luglio? Siamo pronti a discuterne»

Il San Giuseppe fa un passo avanti. «Siamo pronti alla ripresa dell’attività giovanile, se fosse possibile ci piacerebbe organizzare un torneo a inviti nel mese di giugno, un modo per consentire anche ai più piccoli di tornare in campo».

Dopo la lettera spedita nei giorni scorsi ai vertici della Figc si sono registrate diverse accelerazioni nel mondo sportivo e ora programmare il futuro diventa ancora più urgente. La Lega Nazionale Dilettanti ha avanzato un appello pubblico per la ripresa dell’attività giovanile e, soprattutto, dal Governo è arrivato il via libera a tutta l’attività sportiva all’aperto per le regioni in zona gialla a partire dal 26 aprile. Si conferma dunque di strettissima attualità il tema sollevato nei giorni scorsi da alcune società piacentine sulla pianificazione del futuro a breve termine.

«Dopo l’annuncio di Mario Draghi – spiega il direttore sportivo Luigi Panzetti – possiamo pensare allo step successivo. Ora per quanto riguarda il calcio c’è il via libera per ripartire anche con l'attività di contatto, possiamo studiare qualche soluzione che consenta ai ragazzi di riprendere confidenza con amichevoli e partite».

Panzetti va oltre e analizza la proposta avanzata nei giorni scorsi da Federico Marzolini, attuale responsabile dell’attività di base della Spes Borgotrebbia, di unire due stagioni in una, terminando quella attuale da settembre a dicembre 2021 per poi darsi appuntmento a gennaio 2022 con le nuove annate e con i campionati che si concluderebbero a giugno 2022. Un modo per consentire il ritorno alle categorie regolari a settembre 2022.

«La trovo un’idea suggestiva, anche se non so se sia di facile realizzazione. Però diciamo: perché no? Se c’è da confrontarsi anche su idee innovative noi siamo pronti».

Quindi Panzetti torna alla stagione attuale. «Ne abbiamo già parlato fra di noi, ci piacerebbe essere protagonisti della ripresa e il San Giuseppe è pronto a organizzare tornei per le giovanili a giugno, ovviamente nel rispetto di tutti i protocolli vigenti. Non sappiamo se sarà possibile far entrare il pubblico, ci dispiacerebbe enormemente tenere fuori i genitori, ma attualmente pensiamo che l’aspetto fondamentale sia far giocare i ragazzi e vogliamo concentrarci su questo. Non ci interessa l'aspetto economico, sarebbe un modo per recuperare almeno in parte i tanti mesi persi a causa della pandemia».

Poi Panzetti non esclude nemmeno la possibilità, se ovviamente la Figc lo consentirà, di prorogare l’attuale stagione comprendendo anche nel mese di luglio. «Sono tutte ipotesi da prendere in considerazione per il bene dei ragazzi. Hanno perso tantissimo tempo, se si potrà scendere in campo anche a luglio ritengo sia un’opportunità da sfruttare, per poi ritrovarci ai primi di settembre con la ripresa delle scuole».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento