Questo sito contribuisce all'audience di

Campionati giovanili pronti a partire. Pelò: «Apprezzata la riforma dei tornei, ottimi riscontri per l'attività di base»

Il Delegato provinciale punta l'indice sulle difficoltà dei Giovanissimi provinciali. Poi precisa: «Sono sicuro che faremo bene anche nei tornei Elite». Mercoledì 11 settembre al Coni riunione con le società che lavorano con i più piccoli

Luigi Pelò. Delegato provinciale della Figc

Ancora poche ore di attesa poi anche il calcio giovanile partirà a pieno regime. In questo week end iniziano i campionati di Juniores, Allievi e Giovanissimi, mentre per vedere in campo i più piccoli, Esordienti, Pulcini e Primi Calci, bisognerà attendere ancora una settimana. Ormai è tutto pronto, come conferma Luigi Pelò, Delegato provinciale della Figc, che mercoledì 11 settembre alle 20.30 nel Salone del Coni ha organizzato una riunione invitando tutti i responsabili delle società che svolgono attività di base.

«Siamo in attesa dell’avvio dei campionati – spiega – e per il momento tutto procede per il meglio. Abbiamo cinque società, due fra gli Allievi e tre fra i Giovanissimi, iscritte ai nuovi tornei Elite e questo è un ottimo risultato, considerato che Piacenza è una piccola provincia dell’Emilia Romagna».

I numeri cosa dicono?

«Sono soddisfacenti, anche se vedo qualche problema fra i Giovanissimi; soprattutto nei Provinciali abbiamo alcune carenze. Delle società hanno problemi a creare squadre impegnate in categoria e questo non fa mai piacere».

Il confronto con lo scorso anno vede le cifre in leggera diminuzione, al netto delle formazioni che disputeranno i tornei Elite.

«Negli Allievi abbiamo un girone da 11 e uno da 10. In totale complessivamente 23 squadre, compresi gli Elite, invece delle 26 dell’ultima stagione. Fra i Giovanissimi siamo a 22 nei Provinciali e 25 totali contro i 28 del 2018-2019. Perché questo problema? Difficile da capire, anche se poi alcune società presentano al via dei campionati pure le squadre B e questo di conseguenza riduce i numeri di altri club».

La riforma dei campionati, che parte in via sperimentale proprio questa settimana, come è stata accolta sul nostro territorio?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«E’ stata apprezzata, anche se i cinque club qualificati sono quelli che, senza voler togliere niente a nessuno, vanno per la maggiore, vale a dire Fiorenzuola, San Giuseppe, San Lazzaro, Gotico Garibaldina e Carpaneto. La speranza è che per il prossimo anno il numero delle piacentine possa ampliarsi. Chi vedo come candidata principale? Forse la Spes Borgotrebbia, che ha anche risolto il problema dell’impianto e può lavorare in tranquillità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piacenza-Grosseto 0-2: al Garilli decidono i gol di Moscati e Gallicani

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone, CastellanaFontana e Vigolzone ok

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Prato-Fiorenzuola: 1-0, decide una rete di Ortolini in avvio di gara

  • Serie C - Risultati e classifica della 1a giornata nei Gironi A, B e C

  • Il Piacenza si sgretola subito davanti al Grosseto. Biancorossi sconfitti 0-2 nello scontro salvezza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento