menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Per l'Italia di Fagioli verso l'Europeo è decisiva l'ultima giornata con l'Islanda

L'Under 17 azzurra viene superata 2-0 dall'Olanda: giochi ancora aperti, martedì si decide l'esito del girone

L’Italia perde con l’Olanda (2-0) e la possibilità di qualificazione all'Europeo è rimandata a martedì in occasione dell’ultima partita contro l’Islanda, che nella seconda gara è stata sconfitta dalla Turchia 3-0. Un gol per tempo e gli orange superano gli azzurrini grazie ad un tasso agonistico superiore e ad una maggiore incisività all’attacco. Una differenza resa più ampia dalla presenza della stellina del Chelsea Darshaw Redan, autore del raddoppio olandese, giocatore che ha fatto la differenza. Carmine Nunziata manda in campo la stessa formazione schierata contro la Turchia, salvo Riccardi non disponibile per somma di ammonizioni; la linea difensiva è formata da Barazzetta, Armini, Gozzi Iweru e Brogni; il centrocampo composto da Freddi, Leone e Ricci; Cortinovis gioca al posto di Riccardi, Colombo e Vergani sono le punte.

Il primo tempo inizia con gli orange più determinati in campo: prevalgono sotto il profilo agonistico e creano più occasioni per andare in vantaggio. Gli azzurrini si difendono ma non riescono a imbastire buone trame di gioco. Diverse le occasioni non concretizzate dagli olandesi fino ad arrivare quasi allo scadere del primo tempo quando, per una antica legge del calcio, dalla migliore situazione creata dagli azzurrini, grazie a Freddi Greco che supera in area un avversario e davanti al portiere mette forte al centro senza che nessun compagno riesca ad approfittarne, nasce l’azione del vantaggio olandese: una rapida ripartenza ed è il solito Redan ad involarsi sulla destra per crossare dal fondo al centro dell’area italiana dove Thomas, tutto solo, non fa fatica ad appoggiare in rete. Termina la prima frazione di gioco e al rientro Nunziata tenta la carta Gyabuaa al posto di Cortinovis: l’atalantino si piazza a centrocampo e Samuele Ricci avanza la sua posizione, mettendosi dietro le punte. In questo ruolo si alterna con Freddi Greco, per cercare di dare più incisività all’attacco. Si arriva al 65’ e una ripartenza degli azzurrini mette proprio Freddi solo davanti al portiere, ma la sua corsa viene fermata fallosamente da Maduro al limite dell’area: la punizione battuta da Edoardo Vergani sfiora il palo alla destra di Koorevar. Al 78’, da una situazione simile a quella creata dagli azzurrini, nasce il raddoppio olandese: un fallo al limite dell'area italiana determina la punizione che, con esecuzione impeccabile, viene messa nel sette dal solito Redan, che realizza la sua terza rete in due partite.

Amaro il commento del tecnico azzurro al termine della partita: “Non siamo partiti bene, i primi venti minuti abbiamo subito gli olandesi e fatto fatica ad imbastire il nostro gioco. Poi siamo riusciti a rientrare in partita, ma siamo stati poco incisivi e abbiamo calciato poco in porta. Ora bisogna archiviare questo incontro e mettere la testa sull’ultimo match contro l’Islanda”. L’altra partita del girone si è conclusa con la vittoria della Turchia per 3-0 contro l’Islanda e i giochi sulla qualificazione sono tutti aperti.
 
OLANDA-ITALIA 2-0

ITALIA. Russo, Barazzetta, Armini (C), Gozzi Iweru, Brogni, Ricci, Leone (Mattioli 77’), Freddi Greco, Cortinovis (Gyabuaa 41’), Vergani (Fagioli 67’), Colombo. All. Nunziata. A disp. Brancolini, Ghislandi, Ponsi, Vaghi, Ntube.
OLANDA. Koorevaar, Maduro J., van Gelderen, Sambo, Hendriks, Redan (C), Thomas (Summerville 77’), Llansana, Tavsan (Ihattaren 72’), Maduro Q., Goudmijn (Lake 67’). All. van Wonderen. A diisp. Bakker, Franken, Mamengi, Musampa, Brobbey.
ARBITRO: Julian Weinberger (AUT)

RETI: Thomas 37’, Redan 80’
NOTE: spettatori 900 circa. Ammoniti: Gozzi Iweru, Barazzetta, Colombo, Maduro, Hendriks

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento