rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Calcio giovanile

Calcio - Parte l'ambizioso progetto: Agazzanese, San Nicolò e Gragnano formano un unico settore giovanile

Quattrocento tesserati, venti squadre iscritte nelle diverse categorie, tre centri sportivi in gestione. A illustrare il progetto il presidente Groppalli: «Solo formalmente queste tre realtà resteranno separate, perché di fatto saranno integrate e gestite come una sola»

A fare gli onori di casa è stato il Presidente dell’Agazzanese ed Amministratore Delegato dell’omonima azienda Riccardo Groppalli. “Si tratta prima di tutto di un progetto sociale dedicato ai ragazzi e alle famiglie del territorio - ha spiegato Groppalli – aperto a tutti i giovani che vogliono fare sport in modo sano. La nostra azienda sorge a Gragnanino e tutti i nostri dipendenti abitano nei paesi limitrofi, ci sembrava giusto restituire alla comunità quello che ci è stato dato.  L’idea è nata qualche anno fa, quando abbiamo capito che per creare un settore giovanile importante, Agazzano era un bacino troppo piccolo. Nonostante ciò, i ragazzi dell’Agazzanese, guidati da un gruppo dirigente capace formato da Paolo Scotti, Gianluca Morisi e Gigi Pera quest’anno hanno raccolto ottimi risultati, con i Giovanissimi arrivati alle finali provinciali e la Juniores arrivata alla semifinale regionale, miglior piazzamento di una piacentina negli ultimi 15 anni. Ma la necessità, per fare un salto di qualità considerevole, era quella di creare un progetto che riuscisse a coinvolgere ed unire le forze di tutta la vallata. Non è stato facile, c’è voluto del tempo, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. L’anno scorso, guidata sapientemente dai dirigenti Enrico Lanza e Gigi Sebastiani  è nata la Val Luretta, per far giocare i ragazzi del Comune di Gragnano T.se, mentre quest’anno dalla collaborazione con Manuel Botti è stato creato il San Nicolò Soccer School, in cui si riverserà l’attuale settore giovanile dell’Asd San Nicolò 1948. Dalla prossima stagione sportiva, solo formalmente queste tre realtà resteranno separate, perché di fatto saranno integrate e gestite come un’unica famiglia, sia dal punto di vista tecnico che organizzativo, per creare una Soccer School in grado non solo di insegnare il calcio, ma formare e far crescere i ragazzi, secondo modelli comportamentali positivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio - Parte l'ambizioso progetto: Agazzanese, San Nicolò e Gragnano formano un unico settore giovanile

SportPiacenza è in caricamento