Calcio giovanile

Giovanili Elite, tre opzioni sul tavolo. Nessun passo indietro, si vuole terminare la stagione

Riunione in videoconferenza fra le società e i vertici della Figc Emilia-Romagna. Il timore di alcune società: l'impossibilità di organizzare tornei a maggio

Tre opzioni anche per i campionati giovanili Elite, così come per i dilettanti, da definire in base al numero dei contagi e a quanto verrà deciso dagli organi competenti. La prima, più ottimistica, ripresa a fine gennaio che permetterebbe di terminare la stagione in relativa tranquillità, con un’infrasettimanale a Pasqua e un'altra per recuperare le partite non giocate nelle prime giornate, la seconda con la partenza a metà febbraio e la terza alla fine dello stesso mese. Ovviamente più tardi si tornerà in campo e maggiori saranno i problemi per giocare tutte le gare attualmente in calendario.

Alla riunione organizzata dalla Figc Emilia-Romagna e riservata alle società iscritte ai campionati Allievi e Giovanissimi Elite (fra cui San Lazzaro, San Giuseppe, Fiorenzuola e Gotico Garibaldina) hanno preso parte il presidente regionale Paolo Braiati, il vice Celso Menozzi e Massimiliano Rizzello, coordinatore del Settore Giovanile e Scolastico.

Indipendentemente dalla data di avvio, il termine previsto è per il 30 giugno, anche se in base al fischio d’inizio si potrebbe eventualmente prendere in considerazione uno sforamento a luglio, ipotesi comunque al momento ancora tutta da verificare. L’obiettivo della federazione comunque è chiaro: si vogliono portare a termine i campionati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovanili Elite, tre opzioni sul tavolo. Nessun passo indietro, si vuole terminare la stagione

SportPiacenza è in caricamento