menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Assigeco mette Passera nel motore e prova a dare una spallata a Treviso

Piacenza viaggia verso il Palaverde: una vittoria della squadra di Zanchi consentirebbe l'aggancio in classifica. Sanguinetti: «Un successo sarebbe un bel segnale per il nostro campionato»

L’Assigeco Piacenza inaugura il girone di ritorno con l’insidiosa trasferta di Treviso al cospetto della De’ Longhi di coach Pillastrini, reduce dalla larga vittoria con l’Agribertocchi Orzinuovi dell’ultima giornata. Al momento Treviso precede di due punti Piacenza a quota 14 in classifica, occupando l’ottavo posto, ultimo utile per accedere ai playoff, in coabitazione con altre tre squadre. Espugnare il Palaverde per l’Assigeco significherebbe dare un bel segnale al campionato rilanciandosi nelle zone medio-alte di classifica e allontanandosi ulteriormente dalla zona playout.

I ragazzi di coach Zanchi arrivano con il morale a mille dopo la brillante vittoria di domenica scorsa a Ferrara, giunta dopo un tempo supplementare. Di fronte si troveranno una squadra decisa a riscattare un girone d’andata al di sotto delle aspettative di inizio stagione. Nella partita d’andata al PalaBanca fu l’Assigeco ad imporsi a sorpresa per 86-83, grazie ad un’ottima prova di squadra con ben cinque giocatori in doppia cifra.

La De’ Longhi Treviso del girone di ritorno è una squadra rinforzata, rispetto all’andata grazie agli arrivi di Eric Lombardi, ala fisica e atletica, e della guardia americana Isaiah Swann. L’altro americano a disposizione di coach Pillastrini è l’ex Virtus Roma, John Brown, secondo miglior realizzatore di tutto il Girone Est con 19,8 punti a partita, a cui aggiunge anche 7,2 rimbalzI  (3,1 offensivi, uno dei migliori del campionato in questa categoria statistica). Ad agire nel ruolo di ala troviamo Michele Antonutti, una carriera passata quasi completamente in Serie A tra Pistoia, Caserta, Reggio Emilia, Udine e Montegranaro. Grande tiratore, sta viaggiando con percentuali al tiro sopra al 50% sia da due punti sia da tre e proprio sfruttando la sua atipicità riesce spesso a mettere in seria difficoltà le difese avversarie. Anche il pacchetto degli esterni garantisce esperienza e talento grazie a giocatori del calibro di Bernardo Musso, Matteo Imbrò, Matteo Negri, Gherardo Sabatini e Matteo Fantinelli, miglior assistman di tutta la Serie A2 Old Wild West. Chiudono il roster gli interessanti giovani Lorenzo De Zardo e Aleksa Nikolic, entrambi classe 1999.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento