Questo sito contribuisce all'audience di

L'Urania si conferma regina del girone, Assigeco sconfitta in Supercoppa

Milanesi praticamente sempre avanti, nel finale i padroni di casa accorciano le distanze, termina 84-77

Se fatichi a fare canestro e non giochi una gara di spessore neanche in difesa nel basket è impossibile vincere. L’Assigeco lo capisce bene nella sfida all’Urania Milano che si conferma regina del girone di Supercoppa e vince anche al PalaBanca una gara in cui lascia spazio ai padroni di casa solamente nei primissimi minuti. Poi è un assolo degli ospiti: i piacentini cercano in un paio di occasioni di riavvicinarsi ma rimangono comunque parecchio distanti dai lombardi, che senza faticare allungano con il passare del tempo e si portano a casa una vittoria praticamente mai in discussione, anche se nel finale Piacenza riesce ad accorciare visibilmente le distanze.

La partenza è abbastanza confusa, le due squadre forse patiscono un po’ il clima strano di un Palabanca silenzioso: tanti passaggi intercettati e parecchie conclusioni sbagliate in modo marchiano, poi la spettacolare schiacciata di McDuffie inizia a scaldare il pubblico e consegna l’8-4 alla formazione di Salieri. Ma Langston non ha intenzione di far scappare gli avversari, tocca a lui trasformare l’Urania trovando spazi sotto canestro per il sorpasso ospite: 14-10 con ben 12 punti del numero 7. Il primo quarto è una sfida fra i due statunitensi, assoluti protagonisti con i piacentini che pagano di squadra una giornata non brillante al tiro. Così anche quando il cecchino dei milanesi prende fiato in panchina l’Assigeco non riesce a tenere il ritmo degli avversari, anche perché sbaglia troppo in difesa. Salieri chiede ai suoi di reagire e ci prova Massone con una tripla e un bell’assist per il solito McDuffie che trova lo spiraglio per appoggiare a canestro e ridurre lo svantaggio: 32-27 dopo 15 minuti. Il problema è che non appena i padroni di casa arrivano quasi a contatto gli ospiti ripartono a velocità doppia, iniziano a trovare il canestro con buona continuità grazie soprattutto a Montano protagonista del 46-35 al rientro negli spogliatoi.

L’Assigeco prova ad alzare il ritmo ma inizialmente l’esito non è positivo; aumenta l’agonismo per qualche decisione contestata degli arbitri che sembrano lasciare correre un po’ troppo, ma nel complesso Milano fa capire ai padroni di casa che non possono avvicinarsi troppo. Il terzo fallo di Molinaro che porta Salieri al cambio arriva appena prima della tripla di Bossi, ex di turno di un recente passato, del 59-43. E quando anche McDuffie si siede in panchina per falli la situazione si complica ulteriormente, anche perché i padroni di casa continuano a faticare al tiro, come dimostrano le conclusioni aperte sbagliate che portano Milano a condurre 70-51 all’ultima pausa. Ormai la gara è decisa e i dieci minuti conclusivi servono solamente per il tabellino. Milano fa un po’ di accademia mentre l’Assigeco nel finale riesce a recuperare fino all’84-77 conclusivo.

IL DOPO PARTITA - “Abbiamo patito la fisicità di Milano soprattutto a cavallo tra secondo e terzo periodo – commenta coach Stefano Salieri – quando loro sono riusciti a chiudere l’area difensivamente e a noi è mancato il tiro da lontano. Anche in questa partita però abbiamo avuto segnali positivi e su quelli dobbiamo continuare a lavorare in vista dell’inizio del campionato. Quello in cui sicuramente dobbiamo migliorare è l’intensità difensiva e l’applicazione, cercando di mantenerle vive costantemente e non solo a sprazzi. La settimana di rinvio? Dobbiamo viverla come una settimana in più di lavoro e cercare di utilizzarla per migliorare ulteriormente la conoscenza reciproca per farci trovare pronti all’esordio stagionale”.

ASSIGECO PIACENZA-URANIA MILANO 77-84

(18-22, 17-24, 16-24, 26-14)

ASSIGECO PIACENZA: Voltolini ne, Poggi 5, Molinaro, Formenti 6, Carberry 10, McDuffie 24, Gajic, Massone 6, Guariglia 14, Cesana 12, Jelic ne. All. Salieri

URANIA MILANO: Lazzari, Piunti 7, Bossi 10, Cavallero, Langston 24, Raspino 4, Benevelli 3, Montano 15, Pesenato 2, Franco 6, Raivio 13. All. Villa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Eccellenza, Promozione e Prima: stop alle Coppe. Seconda e Terza: la stagione sarà completa

  • Spadafora: «Abolito il vincolo sportivo per giovanili e dilettanti». Sibilia: «Si minaccia l'esistenza del calcio»

  • Per gli Interprovinciali confermato il programma attuale, i Provinciali dovrebbero terminare la fase locale prima di Pasqua

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Giana Erminio-Piacenza: 2-0, terza sconfitta consecutiva per i biancorossi

  • Piacenza - Per Simonetti, Pedone, Galazzi e Ghisleni è una partita da dimenticare. Le pagelle

Torna su
SportPiacenza è in caricamento