Questo sito contribuisce all'audience di

StratosFerguson, l'Assigeco vola con 50 punti del suo play. VIDEO

La formazione di Ceccarelli trascinata da una storica prova dello statunitense, Imola battuta 100-79

Jazz Ferguson, grande protagonista della gara

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Imola arriva da una serie di sei vittorie nelle ultime sette gare, l’Assigeco deve fare i conti con quattro sconfitte in cinque partite. Ma le statistiche non contano più niente quando Jazz Ferguson decide che a lui i numeri non interessano. Così infila canestri a ripetizione, trascina i compagni, entusiasma il PalaBanca e regala a Piacenza l’aggancio in classifica ai romagnoli, fino alle 17.59 di questo pomeriggio probabilmente la formazione più in forma di tutto il girone. Se l’Assigeco si sarà scrollata definitivamente di dosso il brutto ultimo periodo lo diranno solamente le prossime partite, di certo quella vista contro Imola è stata una squadra  trascinata dal suo leader ma comunque in grado di mettere in mostra qualità di ottimo livello e di confermarsi a pieno titolo in corsa per un posto play off.

LA PARTITA - Piacenza segna solamente da tre, ma viene sorpresa in difesa in un paio di occasioni, oltretutto Molinaro commette il secondo fallo quando ancora il primo quarto deve arrivare al giro di boa così Ceccarelli lo richiama in panchina inserendo Ihedioha che firma subito il primo sorpasso piacentino 8-7, meritandosi poi gli applausi per una serie di rimbalzi offensivi. I padroni di casa puntano a liberare Ferguson dall’angolo, lo statunitense fa capire che la scelta è quella giusta e infila in rapida successione quattro conclusioni dalla distanza che insieme al contropiede di Piccoli valgono il 21-17.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Imola ha in Taflaj un buon cecchino (11 punti in poco più di 10 minuti) ma niente a che vedere con Ferguson, che non sbaglia un pallone: emblematica la conclusione dagli otto metri che finisce a canestro, vale il punto numero 21 per lo statunitense che gli avversari provano a fermare (senza riuscirci) con un antisportivo quando i padroni di casa sono avanti 35-27. Adesso l’Assigeco gioca con maggiore tranquillità e si vede; Molinaro sbaglia due liberi ma si guadagna il rimbalzo e chiude i conti con una schiacciata, Santiangeli mostra la specialità della casa, il tiro dall’arco, e la squadra di Ceccarelli vola a +12. Però si lascia andare a qualche leziosismo che al tecnico non piace, il coach intuisce il pericolo e arriva subito un time out per chiarire le idee. Obiettivo raggiunto, con Piacenza che chiude la prima frazione con il massimo vantaggio: 51-38.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • La Lega Pro si interroga sul futuro. Monza, Vicenza e Reggina in B? Si studia una Serie C Elite

  • Covid19 - I dati di mercoledì 8 aprile: 11 deceduti. Venturi: «Piacenza quasi fuori, i contagi crescono dell'1%»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • «Stroppa il migliore per distacco. Piacenza-Foggia 5-4? Inno al calcio». Roberto Gregori ci racconta il suo biancorosso.

  • Piacenza - Franzini lascia o no? Il tecnico non chiude la porta. Sarà decisivo l’incontro con Marco Gatti e Scianò

Torna su
SportPiacenza è in caricamento