Questo sito contribuisce all'audience di

Bakery, a Ravenna serve una vittoria per continuare a sperare

Biancorossi in serie negativa da dieci gare, bisogna invertire la rotta per puntare alla salvezza

Appling, uno dei più positivi in casa Bakery

Due partite per mantenere viva la speranza: è questo l’imperativo che aleggia in casa Bakery Piacenza dopo la bruciante sconfitta contro Udine e prima della trasferta verso Ravenna per provare ad interrompere questa striscia di sconfitte. Saranno appunto i giallorossi l’ultimo attracco della stagione regolare per Piacenza, una partita in cui la Bakery dovrà provare a gettare il cuore oltre l’ostacolo perché il viatico che la porta a questa ventinovesima giornata non è sicuramente dei migliori. Il record negativo di 10 sconfitte filate e l’unica vittoria in trasferta colta il 4 novembre sul parquet di Montegranaro danno due indizi chiarissimi sulle difficoltà dei biancorossi. Una squadra che nonostante il secondo posto per percentuale da tre punti (37%), per assist distribuiti (18.4) e un Appling da 21.3 punti di media nelle sue tre uscite, non riesce a compiere l’ultimo passo verso il successo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’avversario della Bakery Piacenza sarà la OraSì Ravenna di coach Mazzon. Una formazione, quella bizantina, che non brilla nelle statistiche di squadra ma con 12 vittorie e 16 sconfitte, ad oggi, occupa il nono posto in graduatoria, ovvero l’ultimo valido per l’accesso ai playoff. Il Pala De Andrè ha recitato una parte rilevante in questi successi: 9 delle 12 vittorie sono arrivate proprie sul parquet amico. A tutto questo va aggiunto il fattore Adam Smith: 23.3 punti (migliore ad est), 4 rimbalzi e 2.9 assist di media. Oltre al suo, importante è anche il fatturato di Josh Hairston che viaggia a 12.7 punti conditi da 6.2 rimbalzi e il 56% da due punti. Ad un attacco a fortissima trazione statunitense, la formazione romagnola aggiunge elementi italiani di comprovata efficacia, vale a dire Montano (37% da tre), Marino (3.9 assist di media), Cardillo e l’esperienza di Masciadri e Gandini. Esperienza e qualità per una formazione che, con la sfida di domenica 14 aprile, cercherà i due punti che sarebbero il passo in avanti decisivo verso la post season.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppa Italia - Piacenza sconfitto 1-2, il Teramo sbanca il Garilli senza fatica

  • Piacenza-Grosseto 0-2: al Garilli decidono i gol di Moscati e Gallicani

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Nibbiano&Valtidone, CastellanaFontana e Vigolzone ok

  • Piacenza, male la prima. Il Teramo domina, biancorossi fuori dalla Coppa e con dei problemi da risolvere

  • Prato-Fiorenzuola: 1-0, decide una rete di Ortolini in avvio di gara

  • Serie C - Risultati e classifica della 1a giornata nei Gironi A, B e C

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento