menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ihedioha in azione nella sfida in casa di Mantova

Ihedioha in azione nella sfida in casa di Mantova

L'Assigeco rimonta 20 punti ma cede a Mantova all'ultimo possesso

La formazione di Ceccarelli subisce nel terzo quarto, torna sotto nell'ultimo parziale ma paga la scarsa vena ai liberi

Un’Assigeco Piacenza eroica cede solo all’ultimo possesso per 85-84 contro la Pompea Mantova dopo aver recuperato uno svantaggio arrivato anche a 20 punti ad inizio dell'ultimo quarto. Gli uomini di coach Ceccarelli pagano un terzo periodo da 31-17 per gli Stings, ma nonostante i due punti sfumati resta negli occhi la rabbiosa rimonta quasi portata a termine negli ultimi 10 minuti.

LA CRONACA - I biancorossoblù riprendono da dove avevano cominciato domenica con Imola e firmano un parziale fulmineo di 8-0 chiuso solo dal libero di Vencato. La reazione degli Stings non si fa però attendere e con 6 punti di Morse e tre triple firmate Maspero e Cucci trovano il primo vantaggio sul 15-16. Un Ogide da 8 punti tiene a contatto gli ospiti che chiudono il primo quarto con un punto da recuperare sul 20-19. Ad inizio secondo quarto l’Assigeco rimette il turbo e guidata da Turini e Formenti firma un break di 10-0 per il 20-29. La Pompea ci prova con Warren e Ghersetti ma Ihedioha li tiene a debita distanza sul 25-33. L’ex Napoli però si è scaldato e con 8 punti consecutivi riporta Mantova fino al -1 sul 33-34 e sull’onda positiva della rimonta chiude con uno stepback il primo tempo sul 39-38. L’Assigeco trova il pareggio con un appoggio di Vangelov sul 43 pari dopo i primi 3 punti di Murry rientrato dopo i due falli del primo tempo. I lombardi scappano trovando prima il massimo vantaggio sul +7 (51-44) complici anche le mani fredde degli uomini di coach Ceccarelli e poi sigillano la partita sul +18 di fine terzo periodo con una preghiera da metà campo di Lorenzo Maspero. Sembra finita ma all’inizio dell’ultimo quarto la zona press dell’Assigeco regala un pazzesco controparziale di 24-4 che porta gli ospiti ad un insperato pareggio a quota 74. Cucci e Morse regalano il + 5 agli Stings ma i biancorossoblù non mollano un colpo e con un paio di liberi di Formenti tornano a -2 a 30.5 secondi dalla sirena finale (83-81). Dopo il timeout Murry trova l’incredibile tripla del +1 con 16 secondi ancora da giocare ma la freddezza di Cucci ai liberi consegna la vittoria finale alla Pompea Mantova dopo un finale thrilling.

MOMENTO CHIAVE – Il terzo quarto in cui la Pompea ha approfittato del blackout ospite che ha concesso ben 31 punti ai padroni di casa guidati da un Warren da 9 punti

PROTAGONISTI BIANCOROSSOBLU' – Ben 4 i piacentini in doppia cifra con Sabatini leader da 17 punti. A quota 14 Murry e Formenti mentre a quota 10 troviamo un battagliero Ihedioha.

CURIOSITA’ STATISTICHE – L’Assigeco paga un sanguinoso 18/27 ai liberi a fronte del 12/14 della Pompea. Piacenza va sotto anche per riguarda i rimbalzi (36-29) e gli assist (19-9)

PROSSIMA PARTITA – Tezenis Verona, sabato 27 ottobre, ore 21 all’ AGSM Forum di Verona.

POMPEA MANTOVA - ASSIGECO PIACENZA 85-84

(20-19, 39-38, 70-52)

POMPEA MANTOVA: Guerra ne, Vencato 5, Morse 20, Poggi 2, Raspino, Visconti 3, Ferrara, Albertini ne, Ghersetti 11, Maspero 12, Warren 22, Cucci 10. All. Seravalli

ASSIGECO PIACENZA: Diouf ne, Ogide 9, Formenti 14, Antelli 4, Graziani, Piccoli 5, Ihedioha 10, Turini 5, Murry 14, Sabatini 17, Vangelov 6. All. Ceccarelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento