menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un ottimo inizio non basta: l'Assigeco paga caro un finale convulso in casa dell'Orlandina

La squadra di Salieri è avanti anche di 11 punti, me nei due minuti finali cede ai padroni di casa 89-86. Il coach dei piacentini: «Abbiamo pagato il ritmo altissimo dei nostri avversari»

Dopo aver condotto la gara per larghi tratti, l’Assigeco Piacenza si arena nei 2’ finali della partita ed è Capo d’Orlando a festeggiare il successo 89-86 nel turno che rende amaro il Natale dei biancorossoblù. L’Assigeco ha fatto vedere ottime cose soprattutto nel primo tempo, raggiungendo anche 11 punti di vantaggio, ma nel finale i padroni di casa hanno gestito con maggiore lucidità le giocate chiave per portare a casa i due punti.

LA CRONACA – McDuffie corregge un jumper di Cesana e poi è Molinaro dalla media a siglare il primo mini allungo dell’Assigeco dopo 2’, ma Floy con la tripla e Fall con l’appoggio ribaltano immediatamente la situazione. I ritmi di gara sono altissimi ed è McDuffie con un canestro dalla media e un libero a scrivere il 10-9 Assigeco al 4’. La tripla di Carberry punisce la difesa adattata dei padroni di casa, quindi un ottimo gioco a due tra Massone e Molinaro costringe Sodini al timeout sul 21-15 per i biancorossoblu dopo 6’30”. Siluro da lontanissimo di McDuffie, quindi una splendida intuizione di Massone consente a Carberry di appoggiare il 26-15. Dopo una fiammata dei padroni di casa è una schiacciata di Guariglia a ridestare l’Assigeco, che chiude in vantaggio il primo quarto sul 29-23. Si accende Luca Cesana che con una tripla in transizione e un canestro dalla media fissa il 41-33 del 15’, quindi è Molinaro con un canestro difficile da centro area a mantenere l’Assigeco sul +8 (45-37) a cavallo dei 2’ precedenti l’intervallo lungo.

Dopo il 45-41 per l’Assigeco al termine del secondo periodo, i padroni di casa si riportano a contatto con la tripla di Taflaj. Floyd porta l’Orlandina avanti, ma Formenti segna con un lay-up da campione il nuovo +1 Assigeco: 55-54 al 25’. Il break siciliano arriva al 28’ con un canestro allo scadere dei 24” e uno troppo facile in transizione dopo una palla persa dall’Assigeco: coach Salieri sul 64-59 per i padroni di casa ferma tutto e ci parla sopra. Guariglia commette fallo e rimedia anche un tecnico per proteste: Capo d’Orlando ringrazia segnando i tre tiri liberi e guadagna il massimo margine sul 67-61 a 1’19” dalla terza sirena. L’inizio dell'ultimo quarto è molto confuso da ambo le parti, ma quel che conta per i biancorossoblù è che Carberry impatti con la tripla dall’angolo a quota 67 e poi con quella centrale riporti avanti l’Assigeco 70-67 al 33’. Fallo tecnico anche per Johnson, ma Carberry sbaglia il libero e l’Assigeco perde poi palla sul possesso seguente. Per fortuna dei biancorossoblù dal caos emerge ancora  Carberry con un recupero e un assist fondamentale per il 74-73 di McDuffie al 35’. Lo stesso McDuffie mette una pezza al tentativo di allungo dei padroni di casa con una tripla dall’angolo e poi bissa con quella dell’80-80. La zampata del capitano dice 83-80 al 38’, ma poi lo stesso Formenti commette fallo sul tentativo da tre punti di Taflaj: 3/3 dell’orlandino e poi Floyd segna due liberi importantissimi a 42” dalla sirena per l’85-83 dei padroni di casa. McDuffie perde un pallone sanguinoso e l’Assigeco deve dire addio alle speranze di un golpe esterno che era sembrato davvero vicino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento