menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Santiangeli, domenica scorsa ha messo a segno 27 punti

Marco Santiangeli, domenica scorsa ha messo a segno 27 punti

Assigeco attesa da due trasferte di fuoco. Bomber Santiangeli: «Giochiamo duro per quaranta minuti, alziamo la testa solo alla fine». VIDEO

La guardia di Ceccarelli sta attraversando un ottimo momento: nelle ultime quattro gare ha messo a segno complessivamente 82 punti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto corre questa Assigeco: quattro vittorie nelle ultime cinque gare e ruolo di damigella conquistato, a due lunghezze di distanza dal trio di testa composto da Verona, Mantova e Ravenna. Dopo un avvio con qualche alto e basso la formazione di Ceccarelli ha trovato la strada giusta, anche se sul tragitto gli ostacoli non mancano. A iniziare dalle prossime due trasferte, quando i piacentini affronteranno nell’ordine Udine e Forlì, formazioni che alla vigilia del campionato erano fra le maggiori candidate a rimanere nelle zone nobili della graduatoria. Appuntamenti durissimi, ma l’Assigeco può mettere nel motore un Marco Santiangeli che sta vivendo un periodo d’oro, come confermano gli 82 punti personali complessivi delle ultime quattro gare.

All'inizio della stagione tutti parlavano di un campionato equilibrato. Ma sei squadre in due punti (e otto in quattro) forse non se le aspettava nessuno.

«In effetti un torneo senza veri padroni non ce lo attendevamo. Poi sapevano che c’erano alcune squadre nettamente più forti della altre, come ad esempio Udine che affronteremo domenica in trasferta e Forlì che ci troveremo di fronte fra due settimane, sempre lontano dal PalaBanca. Le altre, ad eccezione di Verona, non ce le aspettavamo a questi livelli».

L’hai già anticipato, adesso siete attesi da due trasferte consecutive contro due delle favorite per la promozione.

«Le sfide sono tutte difficili, anche contro l’ultima in classifica. Per questo dobbiamo affrontare ogni gara con la testa giusta, non dobbiamo guardare la graduatoria e pensare che una squadra sia più forte di un’altra. Bisogna giocare duri per quaranta minuti, poi alzare la testa e vedere dove siamo arrivati».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento