Questo sito contribuisce all'audience di

E' un Beccari raggiante: «Volevamo riportare entusiasmo nell'ambiente, ci siamo riusciti». VIDEO

Nelle prime otto giornate una Bakery inarrestabile: primo posto in classifica e tre successi pesantissimi contro le favorite. «Gruppo fantastico, l'intensità in allenamento è la nostra arma in più»

L'esultanza di Marco Beccari, presidente biancorosso

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marco Beccari è raggiante. E non potrebbe essere altrimenti: a inizio estate, deluso dalla scorsa stagione in cui non aveva funzionato quasi niente, ha rifiutato il ripescaggio in A2 per ripartire da un gradino più in basso. Qualcuno avrebbe potuto leggerlo come il primo passo verso un allontanamento, la rinuncia a palcoscenici ben più prestigiosi a causa della delusione provata in un’annata completamente storta. Invece oggi, a pochi mesi di distanza, il presidente della Bakery sa di avere azzeccato tutto. Nuovo allenatore, nuova squadra e anche, soprattutto nuovo entusiasmo che domenica scorsa ha portato a Jesi un centinaio di tifosi ad ammirare la vittoria dei biancorossi in casa di una delle favorite per la promozione e la conferma del meritatissimo primato in classifica.

Se il giorno del raduno ti avessero detto: a metà novembre questa squadra sarà prima in classifica e avrà battuto tre delle favoritissime per il salto di categoria cosa avresti risposto?

«Non ci avrei creduto, perché è un gruppo completamente rinnovato, composto da tanti ragazzi giovani e inserito in un girone molto competitivo. Invece sta avvenendo quanto vediamo, i risultati sono eccellenti, siamo al comando in maniera meritata e questo ovviamente ci soddisfa tantissimo».

Qual è stato il momento in cui hai capito che la Bakery poteva davvero puntare in alto?

«Vedendo gli allenamenti. Si preparano in modo intensissimo, tutti hanno una grande voglia di restare in palestra e lo fanno con grande spirito. Quando ti alleni bene hai maggiori possibilità e questo avviene già dal martedì. Ho visto sedute a ritmi incredibili, in quei momenti ho capito che la strada era quella giusta. A tutto ciò va aggiunto il lavoro del tecnico, una persona che non molla un centimetro; fin dalle primissime amichevoli estive si è capito che i risultati sarebbero arrivati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Ministra De Micheli: «A scuola turni dalle 8 alle 20, sui banchi anche la domenica». Salta tutta l'organizzazione dello sport?

  • Como-Piacenza 0-0: buon punto per i biancorossi

  • Piacenza - Le pagelle: Libertazzi salva il pareggio. Belle prove per Ballerini, Heatley e Galazzi

  • Una bella Piacenza supera 3-1 Ravenna, ma si infortuna Grozer che lascia il PalaBanca con le stampelle

  • Piacenza - Lunedì sera posticipo a Como, biancorossi sempre in emergenza. Manzo: «Voglio una reazione»

  • Piacenza - Di Battista traccia il primo bilancio. «Ci serve solo poter lavorare con continuità e serenità»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento