Questo sito contribuisce all'audience di

L'ottimismo di capitan Ihedioha: «Non sono preoccupato, riusciremo a risollevarci». VIDEO

Domenica l'Assigeco ospita Imola, due lunghezze più avanti in classifica. «Dovremo mantenere la concentrazione per tutto l’incontro perché ogni minimo errore potrebbe costarci caro»

Francesco Ihedioha a canestro

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattro sconfitte nelle ultime cinque partite. Il momento dell’Assigeco non è di quelli scintillanti, gli stop ripetuti hanno fatto scivolare in classifica la formazione di Ceccarelli che però non si è mai arresa, lottando in ogni gara fino agli ultimi istanti. E la graduatoria continua a essere cortissima: attualmente i biancorossoblù a 16 punti sono nel gruppo che comprende le squadre dal settimo al decimo posto, ma solo due lunghezze più avanti c’è il quarto posto. E seduta a quota 18 si piazza Imola, squadra che domenica alle 18 verrà a far visita ai piacentini al PalaBanca.

«Abbiamo vissuto alti e bassi - racconta capitan Francesco Ihedioha - iniziando la stagione con una chimica diversa dal solito, poi l’abbiamo ritrovata e adesso c’è un calo fisico dovuto anche al grande impiego di qualche giocatore un po’ più esperto; ora speriamo di ritornare a vincere come succedeva a novembre».

Quindi a tuo parere si tratta di un aspetto fisico e non mentale, dovuto a un rilassamento dopo la qualificazione in Coppa Italia?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Direi di no, abbiamo sempre giocato nello stesso modo. Prima eravamo più pronti a livello fisico e dunque accusavamo minori black out nei finali di partita. Adesso invece non siamo perfetti e questo ci ha portato ad avere problemi nelle fasi conclusive senza avere più il tempo per recuperare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piacenza a un passo dal centrocampista Losa e dall'attaccante Siani

  • Primi rumors sulla ripartenza del calcio giovanile: si punta al 20 settembre

  • Calciomercato Dilettanti - Colpaccio della Bobbiese che ingaggia Jonathan Aspas

  • Dilettanti, i campionati ripartono la prima domenica di ottobre: definite le partecipanti ai vari gironi oltre a promozioni e retrocessioni per tutte le categorie

  • Raduno al "Sandro Pietra" per il nuovo San Nicolò Calendasco

  • "Riprendete l'attività dei dilettanti e delle giovanili, anche riaprendo al pubblico". La richiesta di tutto il calcio italiano (Emilia-Romagna compresa)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento