rotate-mobile
Basket

Contro la Fortitudo non basta la grinta dell'Assigeco

Piacenza non molla di un centimetro, ma Bologna è sempre avanti e chiude vincendo 75-66

In un PalaDozza esaurito l'Assigeco Piacenza le prova tutte, cerca di restare attaccata alla gara fino all'ultimo momento, ma alla formazione di Andreazza non basta una prova tutta grinta e orgoglio per uscire a braccia alzate dal PalaDozza. Non sono sufficienti nemmeno i 21 punti di Hasbrouck e i 13 di Raspino, a cui la Fortitudo risponde con ben cinque giocatori in doppia cifra e con Legion miglior realizzatore a quota 14. Vincono i bolognesi, ma gli applausi oltre alla squadra in campo vanno anche ai tifosi giunti da Piacenza, Codogno e Casalpusterlengo che non hanno mai fatto mancare il loro apporto durante i quaranta minuti di gioco al cospetto della famigerata Fossa dei Leoni fortitudina.

L'avvio è di marca Fortitudo che si porta subito sul 6-0 grazie alle triple di Ruzzier e Italiano. E’ Kenny Hasbrouck a sbloccare l’Assigeco con una bella penetrazione al ferro trascinando poi i compagni al -5 (15-10) a 2’ dalla fine della frazione, costringendo coach Boniciolli a chiamare il primo timeout. Ancora Infante e Raspino dalla linea dei 6,75 consentono all’Assigeco di andare al primo intervallo sotto di sole 3 lunghezze (19-16). Piacenza rincorre a lungo, non si arrende mai ma non riesce ad agguantare gli avversari: Gandini e Mancinelli riportano immediatamente la Fortitudo a +8 ad inizio secondo quarto, prima delle pronte risposte di Biruta e Dincic per il nuovo -3 Assigeco (24-21 al 14’). A questo punto si scatena Legion (10 punti) che, con alcune giocate spettacolari, guida Bologna nel parziale di 15-5 nella parte centrale del quarto, per il nuovo vantaggio in doppia cifra dei padroni di casa (39-28 al 18’).

Le triple di Raucci e Mancinelli generano la prima vera fuga della Fortitudo al rientro dagli spogliatoi: 47-33 al 21’. Andreazza dalla panchina dà la scossa ai suoi ragazzi che ritrovano fiducia siglando un parziale di 6-0 che li riporta nuovamente sotto  (48-39 al 24’). La pressione difensiva della Fortitudo sale e l’Assigeco comincia a fare una fatica tremenda a trovare la via del canestro, così Italiano certifica il nuovo massimo vantaggio dei bolognesi sul +17 (61-44 al 27’). Hasbrouck fa il possibile per tenere a contatto Piacenza ma è sempre la Fortitudo a condurre anche alla fine del terzo quarto grazie al 67-54.

Nel quarto finale l’Assigeco ha un moto d’orgoglio importante che consente nuovamente di riportarsi a -7 (73-64) a meno di due minuti dalla sirena finale. Hasbrouck (21 punti) e Formenti (9 punti) provano ad ispirare l’ultimo tentativo di rimonta biancorossoblù, ma Bologna è brava a chiudere ogni tipo di discorso. Finisce 75-66 per i ragazzi di coach Boniciolli e l’infuocato PalaDozza può finalmente festeggiare.

FORTITUDO KONTATTO BOLOGNA – UCC ASSIGECO PIACENZA 75-66
(19-16, 22-17, 26-21, 8-12)

Bologna: Legion 14, Knox 11, Mancinelli 10, Ruzzier 5, Raucci 5, Candi 6, Gandini 11, Campogrande, Montano, Italiano 13, Marchetti, Costanzelli ne. All.: Boniciolli.

Piacenza: De Nicolao 9, Costa, Raspino 13, Formenti 9, Infante 9, Persico ne, Dincic 3, Gaadoudi ne, Zucchi ne, Hasbrouck 21, Borsato, Biruta 7. All.: Andreazza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro la Fortitudo non basta la grinta dell'Assigeco

SportPiacenza è in caricamento