rotate-mobile

Campanella: «Nessun alibi: per creare problemi a Torino dovremo giocare con grande concentrazione». VIDEO

La Bakery è reduce da due sconfitte consecutive e da problemi causati dal Covid, ma il tecnico biancorosso non vuole giustificazioni in vista dello scontro casalingo di domenica contro i piemontesi

Dopo due stop consecutivi la Bakery deve cambiare marcia. Il problema è che in questa fase del campionato il calendario non è benevolo e mette di fronte ai biancorossi alcune delle formazioni più accreditate della categoria. Domenica a Piacenza arriva Torino, che dopo una partenza al massimo livello ha rallentato ed è reduce da sei sconfitte consecutive.

Federico Campanella, avete dovuto fare i conti con un programma fermato nel vostro momento migliore e che poi vi ha costretto ad andare in campo quando eravate in emergenza a causa del Covid. Adesso come state?

«In effetti ci siamo bloccati nel nostro periodo più brillante, come stavano dimostrando gioco, fiducia, mentalità e qualità, ma questo non deve diventare un alibi perché fa già parte del passato. Poi ci è piombato addosso il problema Covid e qualche infortunio, ora stiamo recuperando piano piano tutti i nostri giocatori anche se abbiamo alcuni acciacchi che stiamo cercando di gestire. Ma affrontiamo ogni gara con il coltello fra i denti e non pensiamo alle assenze, chi è in campo dà sempre il massimo e questa è la cosa più importante anche in previsione futura visto che la stagione è ancora lunga».

Fra l’altro state incontrando anche alcune delle avversarie più forti in una fase in cui voi fisicamente non potete essere al massimo.

«Purtroppo è così, in questo periodo ci troviamo di fronte a formazioni che stanno dimostrando di essere tra le migliori della categoria. Però nell’ultima sconfitta subita a Pistoia abbiamo giocato molto bene per 30 minuti ma siamo rimasti amareggiati per l'approccio mentale del primo quarto. Nessuno cerca alibi, l’avvio non è stato all’altezza di una gara così importante, lo sappiamo e ne abbiamo parlato in settimana. Posso assicurare che domenica l’ingresso in campo sarà molto differente».

Tornate in casa a vi troverete di fronte Torino che dopo un ottimo avvio ha subito sette sconfitte di cui sei consecutive nelle ultime giornate e dunque non attraversa un grande momento.

«Vero, ma sarebbe ingenuo e stupido giudicarli dalle ultime prestazioni. Anche loro hanno avuto problemi fisici e legati al Covid, alcuni risultati sono stati falsati. I piemontesi sono una grande squadra, che punta alla zona nobile della classifica; molti dei loro giocatori la scorsa stagione hanno perso di un soffio la finale per la Serie A1 e questa è già una fotografia di presentazione della loro squadra».

Cosa dovrete fare per puntare al successo?

«Scendere in campo con grande attenzione. Dobbiamo riuscire tatticamente ad essere camaleontici come lo sono loro, che hanno dieci giocatori e possono schierarsi con vari assetti, con due lunghi insieme, spalle a canestro con gli esterni oppure puntare sui piccoli. Per creare problemi a Torino noi dovremo fare una gara di concentrazione».

Sullo stesso argomento

Video popolari

Campanella: «Nessun alibi: per creare problemi a Torino dovremo giocare con grande concentrazione». VIDEO

SportPiacenza è in caricamento