menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Duilio Birindelli è alla sua seconda esperienza in maglia Bakery

Duilio Birindelli è alla sua seconda esperienza in maglia Bakery

Birindelli: «I risultati non arrivano per caso. Con questa Bakery vogliamo tagliare traguardi importanti». VIDEO

Tutto pronto per la ripresa del campionato, con i biancorossi che domenica ospitano Ancona. «Stiamo andando oltre le aspettative grazie all’intensità mostrata ogni giorno in palestra»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli obiettivi sono due in una volta sola: domenica la Bakery deve battere Ancona per dimenticare la battuta d’arresto dell’ultima gara in casa di Rimini e sperare nella qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia. Per ottenere il pass la formazione di Campanella deve obbligatoriamente vincere e sperare nella contemporanea sconfitta di Cento a Montegranaro.

Dopo un brevissimo stop per le feste avete subito ripreso a lavorare. In questo momento come state?

«Bene. Abbiamo approfittato di questa pausa – spiega Duilio Birindelli – per staccare un attimo e riprenderci da qualche acciacco. Ci ha fatto bene, ma quando siamo tornati in palestra abbiamo ripreso ad allenarci forte. Adesso attendiamo la partita di domenica con ansia».

E’ stato più importante riposarsi a livello fisico o come testa, visto anche il gioco che vi chiede il vostro tecnico, che richiede concentrazione e corsa continua.

«Sono decisivi entrambi. E’ fondamentale riposare il fisico, fare terapia e ripresentarsi al top, ma anche la testa, perché lo stress di un campionato così intenso e di allenamenti così sostenuti si fa sentire. Era giusto concedersi un attimo di pausa per poi ripartire».

Avete metabolizzato l’addio del vostro leader Maggio, che vi ha anche costretto a cambiare gioco visto che Perin ha caratteristiche differenti?

«Direi di sì. Non è mai facile sostituire nessuno; noi abbiamo dovuto fare i conti con gli infortuni di Orlandi, Bracchi e di Robi Maggio che era il play titolare e il nostro capitano. Perin ci ha dato fluidità, è un giocatore completo ma differente rispetto a Roberto; ci sta aiutando moltissimo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento