Questo sito contribuisce all'audience di

La Bakery e Claudio Coppeta verso il divorzio

Nelle prossime ore verrà presa una decisione definitiva dal presidente Marco Beccari, ma pare che il matrimonio sia ormai al capolinea

Claudio Coppeta, protagonista la scorsa stagione della promozione in Serie A2 della Bakery

Il matrimonio fra Claudio Coppeta e la Bakery sembra essere arrivato al capolinea. Una decisione definitiva dovrebbe essere presa già nelle prossime ore dal presidente Marco Beccari, ma pare che il divorzio fra la società biancorossa e il tecnico protagonista della promozione in Serie A2 sia cosa praticamente certa. Una scelta effettuata sicuramente controvoglia dal numero uno di Piacenza, visti anche gli ottimi rapporti che legano lo stesso Beccari al tecnico, ma che pare ormai improrogabile. Dopo un’ottima striscia di tre successi consecutivi, compresa la vittoria in casa di Montegranaro, la Bakery ha interrotto la propria corsa rimanendo vittima di tre sconfitte. Al di là dei risultati ultimamente non è piaciuto l’atteggiamento di Piacenza, tanto che il presidente alla viglia dell’ultima gara aveva invitato tutti, staff e squadra, a ritenersi sotto esame. «Questo gruppo per qualità e budget investito vale una posizione medio-alta della graduatoria» aveva spiegato. Invece anche a Mantova squadra e tecnico non sono sembrati sulla stessa lunghezza d’onda, così domenica è arrivato un nuovo stop e attualmente la Bakery è nel nutrito gruppo delle formazioni collocate al terz’ultimo posto della graduatoria con 6 punti, avendo alle spalle solo Roseto e Cagliari.

Tutte considerazioni che stanno portando verso l’addio a Claudio Coppeta; come capita sempre in queste circostanze il tecnico paga per tutti, anche se non è l’unico (e a volte nemmeno il maggiore) responsabile. Il cambio in panchina sarebbe però un modo per non dare più alibi ai giocatori, qualora Coppeta dovesse salutare tutta la squadra sarebbe chiamata a dare qualcosa in più e già da domenica contro l’imbattuta capolista Fortitudo non avrebbe più giustificazioni. In sintesi: le colpe sono di tutti, ma sarà uno solo a pagare. Chi va in campo deve capirlo e mostrare una decisa inversione di tendenza a partire dalla prossima gara.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio Dilettanti - Si va verso lo stop definitivo per Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza Categoria

  • Riparte il calcio giovanile professionistico: via al campionato Primavera, consentite le amichevoli fino all'Under 15

  • Nuovo Dpcm: lo sport è ancora bloccato. Piscine e palestre chiuse fino al 5 marzo, dilettanti e giovanili sempre fermi

  • Nuova mazzata sullo sport: chi ha il Covid deve stare fermo almeno due mesi

  • Juventus U23-Piacenza 1-1: ancora un pari, Libertazzi miracoloso nel finale

  • Piacenza - Serve chiarezza sul calciomercato: chi lo fa? Arriva il giovane Paolo Cannistrà

Torna su
SportPiacenza è in caricamento