rotate-mobile
Basket

Basket Serie D: Podenzano gran recupero nel finale, ma non basta per espugnare Vignola

Vignola arrivava da dopo la sosta covid di gennaio in situazione non fantastica: qualche sconfitta di troppo, anche se una contro la capolista, e il ricordo di quella serie di vittorie di fila dell'andata sembrava lontano. L'occasione di tornare a sorridere, davanti al pubblico di casa, era alla portata. E l'approccio degli ospiti è stato esattamente questo: aggressività dal primo minuto, tanti contatti e molta fisicità, unita ad alcune giocate di pregio.
Podenzano dal canto suo, aveva tutta l'intenzione di fare il colpaccio. Il calendario, a oggi, non è favorevole dal momento che le ultime due saranno contro le prime della classe. La gara è stata studiata con attenzione, consci del pericolo da correre, e realisti sul fatto di non esser più in un momento di forma strepitosa.
Nonostante questo la gara parte bene, il ping pong di punteggio vede anche Podenzano avanti di 7 lunghezze. Il campo di gioco è terribile, un palazzetto molto scivoloso e infatti i "voli" dei giocatori non tardano, con festival di palle perse e recuperate. il play Tommaso Fellegara fatica a gestire il pressing tutto campo avversario, ma con metodico lavoro e con una iniziale buona vena realizzativa di Paolo Pirolo, contribuita anche dai tanti tiri liberi per falli ricevuti, alla fine per entrambi lo score sarà attorno ai 20 punti.
All'intervallo la situazione è in sostanziale equilibrio, anche se vede i padroni di casa avanti di 6.
Il terzo quarto segna la svolta, purtroppo negativa, per Podenzano. L'approccio al rientro è negativo, si soffre completamente il ritmo e soprattutto l'aggressività di Vignola: i primi 4 minuti sono senza nessun tipo di realizzazione, e si forma il break per i locali che arriverà anche fino a 22 punti di distacco.
Paolo Fermi deve rientrare improvvisamente ai box, a causa di una distorsione dopo l'ennesima scivolata. Si verificherà in settimana l'entità dell'infortunio. Oltre a questo, iniziano ad arrivare gli out causa 5 falli, sia per Matteo Rigoni che per Marco Pirolo.
La situazione sembra compromessa, ma Podenzano ha il colpo di coda. Registra la difesa e nella quarta frazione i gialloblu riescono a chiudere il tiro a Vignola, mentre si ritrova la via del canestro. E' una lenta ma inesorabile rimonta, che però per stanchezza, ridotti cambi e bravura degli avversari non si conclude, finendo a -7, che mantiene a favore, per lo meno, la differenza canestri negli scontri diretti.
Coach Locardi: “Volevamo giocare la partita fino in fondo su questo campo difficilissimo, ma ci siamo riusciti a metà. E' stata una gara di strappi, dove loro nel terzo hanno segnato veramente da ovunque. Alla fine siamo stati bravi a riaprire, tirando addirittura per il -4 a poco dalla fine, senza chiudere una rimonta incredibile. Ci portiamo via la differenza canestri utile per un eventuale arrivo a pari, e il sesto posto matematico che certifica la splendida stagione che stiamo facendo. Ora le ultime 2 contro le capoliste, dove cercheremo di regalare a noi e al nostro splendido pubblico qualche bella serata di pallacanestro.”

Vignola - Podenzano: 74-67 (24-23, 44-38, 66-47)


Podenzano: Pirolo P. 19, Fermi 2, Fellegara 20, Rigoni M. 4, Petrov (C) 4, Rigoni F. 4, Fumi 12, Devic 2, Pirolo M., Coppeta.   All. Locardi-Cavenaghi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket Serie D: Podenzano gran recupero nel finale, ma non basta per espugnare Vignola

SportPiacenza è in caricamento