menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Coach Claudio Coppeta-16

Coach Claudio Coppeta-16

Basket - Bakery a Imola a caccia della vittoria

Non buona la prima. Già perché la partita casalinga contro Matera è certamente stata una sconfitta che poteva essere evitata da una squadra che comunque è uscita tra gli applausi del proprio pubblico. Una sconfitta rivista, rianalizzata e...

Non buona la prima. Già perché la partita casalinga contro Matera è certamente stata una sconfitta che poteva essere evitata da una squadra che comunque è uscita tra gli applausi del proprio pubblico. Una sconfitta rivista, rianalizzata e difficile da digerire come si intuisce dalla parole di coach Coppeta. “L’abbiamo persa a livello difensivo – giudica il tecnico biancorosso – perché subire 83 punti in casa dimostra che qualcosa non è andata e statisticamente vale una probabile sconfitta . Tattica? No, una questione di determinazione e cattiveria che dobbiamo acquisire alla svelta visto che non possiamo permetterci di non essere aggressivi e di non avere intensità in questa categoria. E’ ovvio che senza queste caratteristiche nel momento decisivo poi sei penalizzato anche nei singoli aspetti, leggi rimbalzi nel momento decisivo ossia nell’ultimo periodo”. Piacentini che saranno impegnati nella seconda giornata domenica (palla a due alle 18) in casa dell'Imola.

I due americani di Matera sono stati determinanti, sembra di capire che in questa categoria spesso siano gli stranieri a fare la differenza.
“Esattamente così, ma la nostra scelta è stata diversa ossia quella di realizzare un gruppo che non prescinda da un singolo giocatore ma che faccia della compattezza l’arma migliore. E’ ovvio che il nostro obiettivo è ben più complesso ossia quello di creare un meccanismo quasi perfetto che non abbia punti deboli. Speriamo di ottenere questo obiettivo il prima possibile perché è necessario per poter ottenere i risultati che vogliamo”.

In una sconfitta come quella di Matera, che cosa ti è piaciuto?
“Beh la squadra non ha mollato fino alla fine, sia all’inizio quando è andata sotto di nove punti e sia alla fine quando in pochi secondi ha recuperato 6 punti arrivando al tipo per poter pareggiare. In fase offensiva abbiamo dimostrato di poterci essere quando siamo riuscire a giocare di squadra. A volte, soprattutto alla fine, abbiamo perso questa caratteristica ed abbiamo finito per perdere”.

Come ha reagito la squadra durante gli allenamenti?
“Con voglia ed intensità che è l’unica risposta plausibile. Nessuno si è tirato indietro ed abbiamo moltiplicato gli sforzi. Ora mi aspetto che una settimana di questo livello determini una grande prestazione domenica a Imola”.

Che squadra è quella emiliana?
“Tecnicamente e fisicamente molto forte. Hanno una coppia di stranieri molto forti e degli esterni che se entrano in striscia possono essere letali. Dobbiamo essere molto forti nello sporcare i loro possessi e difendere al meglio per recuperare qualche pallone che ci permetta di correre a campo aperto. La strada per la nostra vittoria passa dalla velocità che riusciremo a mettere sul parquet”.


La prima trasferta di Imola (palla a due ore 18.00 domenica 12) vedrà la squadra di capitan Rombaldoni seguita da un pullman di tifosi biancorossi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento