Martedì, 26 Ottobre 2021
Basket

Un solo urlo in casa Bakery: è Serie A2

Dopo aver conquistato regolar season e Coppa Italia i biancorossi battono 69-60 Livorno in Gara5 e si guadagnano la promozione

E’ la stagione perfetta, quella che si sogna nelle notti d’estate, quando ancora i palloni devono iniziare a rimbalzare, e si materializza al termine di una bollente serata di giugno. Stagione regolare, Coppa Italia e adesso anche il traguardo più importante, la promozione in Serie A2. Impiegano qualche minuto sia i giocatori sia i tifosi della Bakery a capire quello che è successo dopo il 69-60 in Gara5 contro Livorno, mentre il presidente Marco Beccari resta seduto a godersi lo spettacolo a qualche metro di distanza. Probabilmente in tanti non si rendono ancora conto che Piacenza è tornata in A2 al termine di un’annata da favola, una di quelle che in futuro nessuno potrà migliorare ma solamente eguagliare.

LA GARA PUNTO A PUNTO

L’invasione di campo fa capire anche ai giocatori che è il momento di lasciarsi andare, mentre Campanella abbraccia moglie e figlia in mezzo al terreno di gioco tocca a capitan Birindelli compiere il rito del taglio della retina e subito dopo è Vico a salire sul canestro fra l’ovazione dei tifosi. Termina come doveva finire, perché la Bakery si è meritata questa promozione dominando una stagione regolare in cui ha conosciuto solamente tre sconfitte portando a casa anche la Coppa Italia. Poi, come è naturale, la finale è una battaglia, lo si sapeva fin dall’inizio e le cinque partite contro Livorno lo hanno dimostrato fino in fondo. Perché anche se in Gara5 i biancorossi sono sempre rimasti avanti, arrivando ad avere 19 lunghezze di vantaggio all’intervallo lungo, i toscani non sono mai arretrati di un centimetro. Un terzo quarto giocato solo di grinta e carattere ha riportato fino a 7 punti di distanza gli avversari, ma Piacenza proprio in quel momento ha dimostrato di meritarsi il salto di categoria.

Vince la squadra che l’ha meritato maggiormente in tutta l’annata, una società che non ha avuto paura di investire in un periodo ricco di incognite provocate dal Covid e che ha subito dichiarato i propri obiettivi. «Vogliamo vincere» sono state le parole di Marco Beccari il giorno del raduno, un presidente capace di contagiare tutti i propri collaboratori e ogni giocatore con il proprio entusiasmo. Poi è toccato a Federico Campanella plasmare ogni giorno in palestra una squadra dall’indubbio valore a cui lui ha aggiunto una carica e un’intensità che hanno consentito ai biancorossi di uscire da tutte le situazioni complicate. Così è passato in secondo piano anche il grave infortunio di De Zardo, che ha privato la squadra di uno dei punti di riferimento: il gruppo ha metabolizzato il problema e lo ha risolto in un attimo, trovando le soluzioni tecniche, tattiche e caratteriali a un’assenza così importante. E la corsa verso la Serie A2 è continuata fino all’apoteosi di questa sera. Adesso la festa può veramente iniziare.

BAKERY PIACENZA-LIBERTAS LIVORNO 69-60

(21-14, 27-15, 6-16, 15-15)

BAKERY PIACENZA: Marco Perin 21 (4/5, 2/10), Sebastian Vico 14 (4/6, 1/5), Michael Sacchettini 14 (7/10, 0/0), Liam Udom 11 (4/4, 1/3), Duilio Birindelli 4 (2/3, 0/0), Edoardo Pedroni 4 (0/1, 1/2), Giovanni Gambarota 1 (0/0, 0/1), Marco Planezio 0 (0/2, 0/6), Mark Czumbel 0 (0/1, 0/0), Nicolò Guerra 0 (0/0, 0/0), Zakaria El agbani 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 12 / 21 - Rimbalzi: 28 8 + 20 (Liam Udom 7) - Assist: 8 (Marco Perin 3)

LIBERTAS LIVORNO: Andrea Casella 18 (4/6, 2/6), Marco Ammannato 14 (3/4, 2/5), Antonello Ricci 13 (2/3, 1/6), Luca Toniato 11 (3/4, 1/5), Francesco Forti 2 (1/1, 0/0), Davide Marchini 2 (0/1, 0/0), Riccardo Castelli 0 (0/1, 0/1), Leonardo Salvadori 0 (0/0, 0/3), Matteo Bonaccorsi 0 (0/0, 0/0), Damiano Vivone 0 (0/0, 0/0), Gianni Mancini 0 (0/0, 0/0), Michael Del monte 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 23 - Rimbalzi: 26 5 + 21 (Andrea Casella 9) - Assist: 8 (Antonello Ricci 3)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un solo urlo in casa Bakery: è Serie A2

SportPiacenza è in caricamento