Basket

Per la Bakery è una passeggiata: Palermo è travolto 85-51

Biancorossi bravi a chiudere la gara già prima del riposo. La seconda fase inizia con una vittoria mai in discussione

Marco Planezio, ala della Bakery

Che sia prima o seconda fase alla Bakery poco importa. Cambia il nome delle avversarie, ma il risultato è sempre lo stesso. Di fronte a Palermo, ultimo in graduatoria nell’altro raggruppamento, i biancorossi trasformano la partita in una sorta di allenamento. Dopo un quarto d’ora di partita salutano gli avversari e si regalano un secondo tempo di assoluta tranquillità. Certo, continuano a correre perché l’ordine di scuderia è quello e non cambia, indipendentemente dal risultato, ma i 20 punti di vantaggio al giro di boa consentono di pensare anche un po’ allo spettacolo. Non poteva essere Palermo un termine di paragone adeguato, i piacentini attendono esami più ostici, ma intanto sono bravi a svolgere il proprio compito in vista delle partite contro avversari al proprio livello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA PARTITA - Difese attente e attacchi che faticano a trovare la soluzione adeguata. E’ l’inizio della seconda fase e, come ha anticipato Campanella alla presentazione, da adesso ogni partita è una finale. E’ la schiacciata di Sacchettini a firmare il primo break, con il centro che inchioda l’8-5 biancorosso a metà della prima frazione. I padroni di casa sono perfetti in un paio di raddoppi difensivi, poi i liberi di Perin valgono il 15-10, quindi ci pensa De Zardo a raccogliere tutto quanto passa vicino al canestro (6 rimbalzi nei primi 10 minuti) trasformandolo nel 20-12 biancorosso.

La Bakery per 12 minuti non ne azzecca una dalla lunga distanza, come conferma lo 0 su 7, ma comanda dentro il pitturato. Poi Pedroni infila la tripla che consegna alla Bakery il 27-15. Non è comunque una giornata di quelle da ricordare al tiro, ma questo evidenzia ulteriormente le caratteristiche di una formazione che ha tante soluzioni da sfruttare. Se un’arma si inceppa ce ne è sempre pronta un’altra, che non è quella di riserva, ma un’alternativa allo stesso livello della principale. E quando Vico decide di dare spettacolo ecco che Piacenza allunga ulteriormente fino al 35-19. L’aggressività difensiva porta i biancorossi al limite di falli praticamente a metà del secondo quarto, ma poco importa. I padroni di casa iniziano l’accademia e se lo possono permettere considerato le 20 lunghezze di vantaggio e soprattutto l’incredibile supremazia a rimbalzo, con 32 palloni conquistati dai biancorossi contro i 12 degli ospiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la Bakery è una passeggiata: Palermo è travolto 85-51

SportPiacenza è in caricamento