Basket

Bakery, la seconda fase inizia con Palermo. Campanella: «Un avversario imprevedibile»

Sabato 20 marzo a Piacenza arrivano i siciliani, che nella prima parte del campionato hanno conquistato solo 5 punti. Biancorossi in testa alla classifica

Otto finali sono le partite che attendono la Bakery Piacenza per la seconda fase che ormai è alle porte. I biancorossi dovranno affrontare le squadre del Girone B1 e classificarsi tra le prime 8 nella classifica generale per potere accedere ai play off. Birindelli e compagni attualmente occupano la prima posizione della graduatoria alla pari con Agrigento (24 punti), con un distacco dalle rimanenti squadre di almeno 4 lunghezze. 

Il primo impegno è previsto sabato 20 marzo alle 21 al PalaBakery contro il Green Basket Palermo, squadra sicula che nel girone B1 ha affrontato a testa alta avversarie molto attrezzate per la categoria ed attualmente chiude la classifica generale con 5 punti. Tra le file dei siciliani è presente un ex biancorosso: Filippo Guerra, a Piacenza dal 2016 al 2019.

Ad introdurci al primo match della seconda fase ci pensa coach Federico Campanella.

Sabato inizia la seconda fase, prima sfida con Palermo, formazione del girone B1 che ha affrontato squadre molto attrezzate per la categoria. Pensi possa essere una sfida insidiosa per i tuoi ragazzi? 

«Lo sarà sicuramente: insidiosa ed imprevedibile, da non sottovalutare. Nell’ultimo periodo i siciliani hanno cambiato guida tecnica e hanno aggiunto due elementi al proprio roster, arriveranno a Piacenza con nuove idee sia difensive sia offensive. Dovremo essere bravi ad avere un buon approccio alla gara mentalmente e fisicamente, cercando di imporre il nostro ritmo e limitando i loro migliori interpreti. Il gioco di squadra sarà la chiave per portare a casa i due punti, sfruttando al meglio il contropiede ed imponendoci in difesa»

La squadra come sta vivendo questa fase di campionato, che si è conclusa con il primo posto in classifica? Pensi sia un'arma in più per le prossime partite?

«Arriviamo da capolista ma ora si azzererà tutto. Troveremo squadre ben organizzate e forti come noi, quali Agrigento, Crema, Bernareggio che fino ad ora hanno disputato una stagione strepitosa: ora in questa fase di campionato non saremo solo noi la “squadra da battere” e questo penso ci tolga un po' di pressione dalle spalle permettendo di concentrarci al massimo per arrivare ai nostri obiettivi. I ragazzi hanno vissuto questo periodo con orgoglio e responsabilità, ottenendo ottimi risultati in campo».

Il calendario prevede due infrasettimanali e tutte le sfide con le squadre con miglior posizionamento in trasferta, questo potrebbe influire sul risultato?


«Influiscono sicuramente i turni infrasettimanali, che sono capitati con le squadre più forti del nostro girone. Questo ci sfavorisce perchè giocare le sfide più delicate e decisive su campi difficili è sicuramente uno svantaggio. Ma ci deve motivare ancore di più perchè vogliamo vincere ogni volta che scendiamo in campo e dovremmo continuare a conquistare punti, come fatto finora, anche lontano dalle mura amiche».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bakery, la seconda fase inizia con Palermo. Campanella: «Un avversario imprevedibile»

SportPiacenza è in caricamento