menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Touré Murry, guardia dell'Assigeco

Touré Murry, guardia dell'Assigeco

Troppi errori in casa Assigeco, con Roseto una sconfitta che fa male

La squadra di Ceccarelli superata ai supplementari 82-76. Person (25 punti) trascina gli ospiti al successo

L'Assigeco esce sconfitta dal PalaBanca contro Roseto, al termine di una gara dalle grandi emozioni e dai tanti errori. Tra questi ultimi spiccano, perché decisivi, quelli di Formenti dalla lunetta a un secondo dal termine, errori che hanno portato l'incontro ai supplementari, nei quali il buon inizio di Roseto, la tripla di Person e la precisione nei liberi di Rodriguez sono stati letali per i biancorossoblù. Non sono stati sufficienti i 19 punti di Formenti, i 16 di Sabatini e i 14 di Ogide in casa piacentina; decisiva la bassa percentuale da tre, mentre il migliore realizzatore della gara è stato Person (25), seguito nel quintetto ospite da Sherrold (19).

Una sconfitta che fa male a Piacenza, per la modalità con la quale è arrivata, ma anche perché contro una diretta concorrente nella lotta per la salvezza. Domenica prossima l'Assigeco sarà di scena a Montegranaro, prima dell'antipasto natalizio dell'antivigilia, quando ospiterà Ferrara al PalaBanca.

PRIMO TEMPO: Dopo cinque minuti di gioco l'Assigeco è davanti di un solo punto (9-8), benché Murry e Ogide avessero cominciato con i migliori propositi, obbligando a un rapido time out coach D'Arcangeli. Piacenza prova comunque a tenere il passo della lepre e ottiene un parziale di 9-0, grazie a Formenti e Sabatini, ma gli ospiti restano attaccati soprattutto in virtù delle prime triple targate Akele e Person. Anche il secondo parziale si mantiene in equilibrio, a ogni tentativo di allungo del quintetto di casa, Roseto è in grado di rispondere: prima del riposo lungo, poi, la coppia Person-Sherrod lascia un'impronta importante, con il primo che lasciato troppo libero risponde alla tripla di Formenti mandando su tutte le furie il coach piacentino (33-31). Il canestro seguente di Sherrod ristabilisce la parità e il tiro libero dello stesso numero 35 il vantaggio ospite con il quale si giunge a metà gara.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SportPiacenza è in caricamento