Questo sito contribuisce all'audience di

Assigeco-Piacenza: «Progetto unico in Italia». VIDEO

La definizione scelta dai dirigenti è “fusione sportiva”: Assigeco e Piacenza basket uniscono le forze, entrambe le realtà per il momento mantengono operative le rispettive società anche se Luigi Stecconi, presidente...

Assigeco-Piacenza: «Progetto unico in Italia». VIDEO - 2


La definizione scelta dai dirigenti è “fusione sportiva”: Assigeco e Piacenza basket uniscono le forze, entrambe le realtà per il momento mantengono operative le rispettive società anche se Luigi Stecconi, presidente biancorosso, diventa anche vicepresidente del sodalizio lombardo e nel consiglio di amministrazione entrerà pure un altro personaggio piacentino ancora da definire. Fin qui l’aspetto burocratico e amministrativo; a livello pratico l’Assigeco Piacenza (questo il nome della nuova squadra) giocherà le gare interne della A2 di basket al PalaBanca, mentre le realtà piacentina e lodigiana creeranno un unico settore giovanile con grandi ambizioni. Le migliori formazioni, quelle impegnate nel campionati Eccellenza ed Elite, avranno come base il Campus di Codogno, le altre rimarranno a San Lazzaro. Tutte giocheranno con il brand Assigeco.

OBIETTIVO: UNA NUOVA POLISPORTIVA
Non è finita: «Si parla di un progetto unico in Italia» spiegano in coro Francesco Curioni, presidente dell’Ucc Assigeco, Luigi Stecconi, massimo dirigente del Piacenza basket e Guido Molinaroli, numero uno di Lpr volley seduti al tavolo dei relatori nel Campus di Codogno. Si torna a sentir parlare anche di polisportiva, in un gruppo che ospiterà al PalaBanca due squadre di Serie A, una di pallavolo e una di pallacanestro. «Solo Trento e Verona hanno formazioni di questo livello in due sport differenti, ma noi siamo unici perché la nostra è la base di una vera e propria polisportiva».
Sul progetto rimane anche una piccola coltre di “mistero”. Non si dice per quanto tempo durerà l’accordo, limitandosi a chiarire che si parla «di tempi medi e di progettualità poliennale». L’impressione è che si punti in alto, ma giustamente le realtà coinvolte (oltre alle due società di basket è interessata in via non del tutto marginale anche l’Lpr volley) vogliono testare sul campo come funzionerà la prima fase della fusione sportiva.

REALIZZARE UN POLO NAZIONALE
«L’obiettivo - sono le parole di Curioni - è quello di costruire un polo nazionale, con sede a Piacenza per quanto riguarda la prima squadra e che coinvolga il settore giovanile da Fidenza fino a Melegnano». Il massimo dirigente dell’Assigeco sottolinea a più riprese il grande interesse esistente per tutto quanto sta alle spalle della formazione seniores. «Un paio di anni fa abbiamo vinto il titolo nazionale con l’Under 19, la nostra presenza alle finali tricolori deve diventare un traguardo costante per le nostre squadre dall’Under 14 in avanti». Non si vogliono fare polemiche con l’amministrazione (l’Assigeco è stata obbligata a cambiare palazzetto perché la struttura del Campus è troppo piccola) ma non si utilizza nemmeno la parola “trasferimento”. «E’ una fusione» specifica ripetutamente Curioni, chiarendo che il programma va oltre il semplice passaggio in un altro impianto. «Avevamo avuto offerte da altre società e da altre amministrazioni comunali per portare la squadra fuori da Codogno - chiarisce ancora Curioni - ma abbiamo scelto Piacenza per la possibilità di creare un progetto solido partendo proprio dalle giovanili».
Concetto ribadito da Luigi Stecconi, che ha sottolineato i numeri importanti del Piacenza basket con i più piccoli. «Per noi questo accordo è un motivo di orgoglio e di soddisfazione. Non sarà facile perché parliamo di due entità differenti che dovranno unirsi in modo molto stretto, ci attende un impegno gravoso ma siamo pronti a partire con l’obiettivo di far avvicinare più gente possibile alla pallacanestro».

L'UNIONE DI DUE TERRITORI
Assigeco-Piacenza basket, accordo basato sullo sport ma anche sull’amicizia, stando alle parole di Guido Molinaroli. «In un mondo sportivo in cui si punta quasi sempre agli interessi personali, trovare persone disposte ad avere una visione comune è importantissimo. Non uniamo solamente due società, ma due territori e porteremo avanti in comune l’aspetto legato alla comunicazione e al marketing».
Il settore giovanile avrà un budget separato dalla prima squadra; Massimiliano Franzone sarà il responsabile coadiuvato da una figura piacentina da definire. Le basi dell’accordo sono solidissime, adesso per svilupparle bisogna attendere i risultati sul campo.
Matteo Marchetti
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Seconda e Terza Categoria. Si gioca in D, Eccellenza, Promozione e Prima

  • Dilettanti - Tutti i risultati della domenica. Bobbiese e valanga. Bene Vigolo e Alsenese. Spes e Ziano super

  • Dilettanti - Fontana chiude tutti i campionati della Lombardia. Il San Rocco però gioca, rimane in piedi la Serie D

  • Dilettanti - Il Dpcm chiude Terza e (forse) Seconda Categoria, le uniche che non hanno avuto problemi

  • Pistoiese-Piacenza 2-1: nuova beffa nel recupero a firma di Chinellato

  • Risultati e classifiche di Juniores, Allievi e Giovanissimi. Il Dpcm chiude i campionati Provinciali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SportPiacenza è in caricamento