rotate-mobile
Basket

Assigeco all’ultimo test prima dei playoff: trasferta a Cremona contro la JuVi

La squadra di Salieri ha già conquistato il pass per la post season. «Vogliamo chiudere bene un periodo bellissimo»

Il suono della sirena dopo quaranta minuti di grande basket ha sancito per l’Assigeco Piacenza il raggiungimento dell’obiettivo stagionale, il tanto atteso approdo ai playoff che rappresenta anche la salvezza automatica in serie A2 per la prossima stagione. Per aggiudicarsi i due punti cruciali contro Treviglio è servita una grande dimostrazione di carattere da parte dei biancorossoblu, e ora l’ultimo scoglio prima della post-season sarà il match del PalaRadi alle 18 di domenica 21 aprile contro la Ferraroni JuVi Cremona. A una settimana dall’importante traguardo meritatamente raggiunto, Coach Salieri vuole concludere in bellezza la stagione regolare, pur riconoscendo l’importanza di quanto dimostrato finora sul campo:

“Raggiungere l’obiettivo stagionale non è stato facile, sia per l’altissimo livello del girone sia perché abbiamo dovuto fare a meno del contributo fondamentale di un giocatore come Miller, il che rende ancora più speciale ciò che i ragazzi hanno dato sul campo. Se non ci siamo scomposti dopo la rimonta di Treviglio è stato soprattutto grazie alla determinazione del gruppo e alle certezze su cui avevamo impostato la partita, la nostra partenza forte è stata frutto di un impatto mentale e tecnico sul match che poi i ragazzi hanno tradotto sul campo”.

Sabato ci sono stati tanti “eroi” tra le fila biancorossoblu: Veronesi con la sua produzione offensiva, Bonacini con quella tripla pesantissima, Skeens in versione tuttofare e tante altre prestazioni di livello. Chi ti ha colpito particolarmente e perché?

“Mi ha colpito l’atteggiamento positivo di tutta la squadra, i ragazzi erano totalmente concentrati e orientati sull’obiettivo. C’era questa voglia di vincere che trasudava da tutti e ognuno ha messo quel qualcosa in più che poi ha determinato prestazioni individuali di alto profilo. Alla fine abbiamo vinto per una manciata di punti, quindi ogni aspetto è stato determinante per raggiungere il risultato finale, compreso il sacrificio di Filoni che è sceso in campo dolorante dopo una settimana in cui non si era allenato dando un contributo fondamentale”.

Immaginiamo una classifica delle partite più importanti da quando hai iniziato questa avventura con l’Assigeco. Dove collochi la partita di sabato scorso?

“È stata una partita fondamentale soprattutto sotto l’aspetto emozionale e motivazionale, però alla fine sono stati due punti proprio come la vittoria a Rieti, altro tassello per dare a tutti la convinzione di poter competere per i playoff nonostante la pesante assenza di Miller. Quest’anno ci sono state tante partite che ci hanno dato un qualcosa in più, come le vittorie contro Udine e Verona, poi è stato preziosissimo il doppio scontro con Cento. Non saprei fare un paragone con le partite degli anni scorsi, anche perché il livello del campionato si è alzato di anno in anno”.

In questi ultimi mesi la squadra ha dovuto superare qualche periodo di difficoltà. Qual è la qualità che i tuoi hanno tirato fuori che più ti ha reso orgoglioso del gruppo?

“Mi ha fatto piacere il fatto che c’è sempre stata voglia di competere, e questa è la cosa principale. Poi ogni anno bisogna adattarsi alle caratteristiche dei propri giocatori, cercando di nascondere i difetti ed esaltare le qualità dei singoli. È così che si può avere quel miglioramento che col tempo ti permette di fare grandi cose, proprio come abbiamo fatto noi quest’anno. Di sicuro nel mio ciclo all’Assigeco questo è stato finora l’anno più duro, arrivare ai playoff è stato un capolavoro”.

La partita contro la JuVi sarà l’ultima uscita stagionale prima dei tanto attesi playoff. Cosa ti aspetti da questa partita?

“È una partita che dobbiamo approcciare con la serietà e la voglia di giocare che abbiamo sempre messo in campo, ma anche con la gioia e la serenità di avere raggiunto un traguardo molto difficile, anche perché il mercato ha cambiato tanti equilibri in campo. Noi da questo punto di vista non abbiamo voluto fare nulla, in estate abbiamo fatto scelte importanti che abbiamo difeso e mantenuto durante tutto l’anno. Vogliamo chiudere bene un periodo bellissimo, perciò dovremo affrontare la partita con le giuste motivazioni, cercheremo di fare bene contro una squadra che ha meritatamente raggiunto i playoff nell’altro girone”.

FERRARONI JUVI CREMONA

Dopo aver rivoluzionato il roster nella passata finestra estiva di mercato, la Ferraroni JuVi Cremona ha disputato una convincente prima fase di campionato. La fase a orologio, tuttavia, non ha regalato troppe soddisfazioni alla formazione allenata da Luca Bechi, che comunque siede al sesto posto in classifica nel Girone Verde a pari punti con Treviglio con un record di 14 vittorie e 17 sconfitte. Lo starting five è guidato dal talento e dalla creatività di Vincent Shahid e Tekele Cotton, backcourt tutto a stelle e strisce dal grande potenziale realizzativo. Il primo è stato tra le poche note positive della trasferta di Verona – 16 punti in 26 minuti di gioco – mentre il secondo, più esperto e fisico del connazionale, è una vecchia conoscenza del campionato italiano avendo già giocato in A2 con la casacca di Cento nella stagione 2020/21. Le ali del quintetto saranno Lorenzo Tortu e Cosimo Costi, giocatori solidi al primo anno a Cremona, ma da subito punti fissi delle rotazioni di coach Bechi. Sotto canestro i biancorossoblu dovranno vedersela con Luca Vincini, pivot classe 2003 notevolmente cresciuto nel corso della stagione. Il compito di dare il cambio al duo americano è spesso affidato ad Antonino Sabatino, che dopo un biennio a San Severo ha deciso di approdare al club gigliato. Altre armi a partita in corso sono l’ala Gabriele Benetti, autore l’anno scorso di una sorprendente promozione con Pistoia, e Marco Timperi. Da poco è arrivata la notizia della rescissione consensuale con l’esperto pivot Daniele Magro, subito sostituito dall’arrivo del giovane promettente Nicolò Virginio dalla Pallacanestro Varese. Completano il roster i giovani Francesco Grassi e Alessandro Biaggini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assigeco all’ultimo test prima dei playoff: trasferta a Cremona contro la JuVi

SportPiacenza è in caricamento