rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Basket

Recuperare le energie per provare a forzare la “bella”: l’Assigeco si prepara a Gara4 con Trapani

Domenica alle 17 al PalabancaSport la formazione di Salieri punta a una vittoria per arrivare alla decisiva quinta partita

Gara-3 è stata una partita dalle mille emozioni e ha regalato un successo entusiasmante all’Assigeco Piacenza, che grazie a una super prestazione di squadra e venti triple realizzate è riuscita ad allungare la serie contro i Trapani Shark, che comunque restano in vantaggio 2-1 in questo quarto di finale. Archiviato il match bisogna subito ricaricare le energie e prepararsi a un’altra battaglia, perché domenica 12 maggio sarà già il momento per gara-4. Con la palla a due fissata per le ore 17.00 al PalaBanca di Piacenza i biancorossoblu cercheranno di forzare la serie alla decisiva gara-5 cercando di replicare la prestazione dello scorso venerdì come testimoniato da Giovanni Veronesi, autentico mattatore del match con 30 punti a referto e otto triple realizzate, tra cui il canestro della vittoria nel finale di gara:

“Gara-3 rispecchia quelle che sono state gara-1 e gara-2. Siamo stati molto bravi ad approcciare la partita e a creare le occasioni per fare un break iniziale, ma poi soprattutto nel terzo quarto seppur soffrendo siamo riusciti a mantenere una lucidità mentale e a livello di energie, riuscendo a gestire meglio la partita fino ad arrivare a un finale punto a punto deciso da alcuni episodi”.

Sei stato decisivo con diciannove punti nel secondo quarto in piena trance agonistica e con il canestro della vittoria a meno di trenta secondi dal termine. Cosa ti passa per la testa i quei momenti e cosa significa per voi questa vittoria?

“Avevo nella testa un pensiero continuo: portare a casa la partita. Sapevo che per vincere avrei dovuto fare qualcosa in più come hanno fatto i miei compagni, e ad essere sincero nemmeno io mi immaginavo un filotto di triple così una dietro l’altra. La vittoria vale tanto per noi come squadra, è un ulteriore segno del fatto che abbiamo fatto un bellissimo anno e che ci siamo meritati di arrivare ai playoff, giocandocela adesso con la prima in classifica. In gara-4 dovremo fare la stessa cosa”.

Per la terza volta consecutiva Trapani ha cercato di dare uno strappo decisivo alla partita nel terzo quarto. Hai mai pensato, anche in un singolo istante, a un epilogo finale uguale ai primi due episodi della serie?

“Si, ci ho pensato ma non in modo negativo. Sapevamo che Trapani fosse capace di rientrare in partita, soprattutto nel terzo quarto, ma mi sono chiesto cosa potevamo fare noi per far si di non soccombere a questa cosa. Non c’era la paura, stavo cercando solo di trovare soluzioni, ed è questo che per me ha fatto la differenza”.

Quanto ha influito in questa vittoria la spinta del pubblico, sempre pronto a incitarvi e supportarvi in ogni frangente del match?

“Sicuramente tantissimo. Venivamo da due sconfitte che avevano fatto male perché sapevamo di essercela giocata fino in fondo senza però riuscire a tornare a casa con una vittoria. Il pubblico ci ha dato una grande spinta, ed è anche questo che ci ha fatto vincere: nei momenti di stanchezza avere un tifo così che ti incita ti porta poi a tirare fuori energie che non tutti pensano di avere”.

Domani si torna subito in campo per gara-4. Che partita ti aspetti?                          

“Mi aspetto una guerra. Penso che loro non abbiano proprio voglia di arrivare a gara-5, perciò penso sarà una partita ancora più tenace con molta cattiveria agonistica. Noi dovremo essere pronti a fronteggiare i loro primi minuti che secondo me saranno decisivi perché penso che loro proveranno a chiudere la partita il prima possibile, facendo poi la nostra partita di energia e intensità per provare a portare a casa la partita con quello che abbiamo”.

TRAPANI SHARK

Dopo una clamorosa stagione regolare da 29 vittorie e appena 3 sconfitte, la Trapani Shark si è qualificata come testa di serie n°1 nel tabellone argento dei playoff. La profondità del roster siciliano è tale da richiedere un ampio turnover e l’esclusione di due senior di partita in partita. Le enormi ambizioni del presidente Antonini sono state confermate anche dall’esonero a marzo di coach Daniele Parente dopo l’eliminazione in semifinale di Coppa Italia LNP per mano della Fortitudo Bologna, con l’arrivo di Andrea Diana sulla panchina trapanese. Dopo il cambio di guida tecnica, la corazzata siciliana vuole proseguire il proprio dominio anche nella post-season, e senza dubbio rappresenta un test di monumentale difficoltà per i giovani e decisamente meno esperti ragazzi di coach Salieri. Le chiavi del quintetto di Trapani sono affidate al talento sopraffino di J.D. Notae, guardia americana reduce da una prestazione da 22 punti nell’ultima partita di fase a orologio contro la Fortitudo, e Matteo Imbrò, che pur non essendo un realizzatore puro eccelle nella creazione di gioco per i compagni. In posizione di ala piccola troviamo Fabio Mian, giocatore dal curriculum invidiabile che vanta anche una manciata di apparizioni nella Nazionale Maggiore di Ettore Messina. Il reparto lunghi è formato da Amar Alibegovic, già punto fermo delle rotazioni dopo l’approdo in Sicilia a fine marzo e Chris Horton, una macchina da doppia-doppia in grado di dare solidità e completezza al quintetto. Le armi a disposizione di coach Diana non si limitano allo starting five: a partita in corso vedremo l’ex Treviglio e grande realizzatore Pierpaolo Marini, che insieme alla guardia Stefano Gentile forma un temibile duo in uscita dalla panchina. Altra pedina importante per Trapani è Joseph Mobio, già autore di due promozioni con la maglia di Scafati e Cremona e migliore in campo in gara-1, mentre a dare il cambio a Horton sotto canestro ci sarà l’ex Urania Milano Rei Pullazi. Sono parte integrante della squadra anche Marco Mollura, capitano e leader emotivo della squadra, Yancarlos Rodriguez, playmaker italo-domenicano di grande esperienza e il veterano Andrea Renzi. Completano il roster i giovani Fabrizio Pugliatti e Veljko Dancetovic.

Trapani ha vinto 90-69 gara-1 e 69-61 gara-2, mentre l’Assigeco ha vinto 88-86 gara-3. I granata conducono 2-1 nella serie.

COME SEGUIRE LA PARTITA

I biglietti per la partita sono acquistabili sia sul sito https://www.vivaticket.com/it che presso la biglietteria del PalaBanca, che sarà aperta domenica dalle ore 15:30 fino all’inizio della partita. Per i tifosi ospiti è consigliata la Tribuna Bovo, al prezzo di 10 euro. Per chi fosse impossibilitato a venire al palazzetto, la partita è visibile in diretta streaming sul sito LNP Pass (https://lnppass.legapallacanestro.com/). La gara viene seguita con aggiornamenti in tempo reale sui profili social della società: Facebook (https://it-it.facebook.com/uccassigecopiacenza/) e Instagram (@ucc_assigeco_piacenza).

In occasione della partita, tutti i tifosi Assigeco che acquisteranno un biglietto e che non l’hanno ancora ricevuta avranno in omaggio la t-shirt celebrativa per i playoff, fino a esaurimento scorte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recuperare le energie per provare a forzare la “bella”: l’Assigeco si prepara a Gara4 con Trapani

SportPiacenza è in caricamento