Questo sito contribuisce all'audience di

Ecco perché Assigeco-Bakery è stato un derby da applausi

Lunghe code alle biglietterie, un PalaBanca gremito, gli applausi dei tifosi biancorossi ai vincitori. Adesso inizia il conto alla rovescia per la gara di ritorno

Green e Voskuil provano a fermare Sabatini

Iniziamo dalla fine, perché quello è il momento più bello. Lasciamo per un attimo da parte quaranta minuti di pallacanestro intensa, emozionante, a tratti anche spettacolare, per concentrarci su quanto succede al fischio degli arbitri. C’è l’invasione dei tifosi Assigeco, che giustamente festeggiano la propria squadra mentre i giocatori delle due formazioni si abbracciano. Nell’altra curva i tifosi della Bakery prima salutano i biancorossi, poi molti di loro si fermano qualche minuto in più, attendono che gli avversari concludano il canonico giro di campo e quando passano sotto la curva li applaudono. Un gesto tanto semplice quanto significativo, che merita di essere sottolineato al termine di un derby storico e stupendo per la cornice venutasi a creare. Un PalaBanca così pieno per una partita di pallacanestro non si era mai visto, nell’impianto costruito dal volley e patria per tante stagioni solamente della pallavolo arriva la dimostrazione che Piacenza inizia ad apprezzare anche il basket.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hanno avuto ragione i due presidenti Marco Beccari e Franco Curioni. Il primo alla vigilia aveva dichiarato: «Il derby sta diventando un evento per la città». Ci ha azzeccato in pieno: lunghe code alla biglietteria, parcheggio di Piacenza Expo invaso dalle auto, una curva ospiti completamente colorata di biancorosso come in questi anni non si era mai visto. Dall’altra parte il numero uno dell’Assigeco si era augurato «una grande festa» cercando di abbassare i toni «perché è sbagliato esacerbare gli animi». E in effetti al PalaBanca se si eccettua qualche sfottò e qualche singolo gesto poco simpatico a fine partita, che andrebbe evitato specialmente quando si hanno a fianco dei ragazzi, tutti gli spettatori si sono goduti tranquillamente uno splendido spettacolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal catrame di Centocelle a Zidane. «Il più forte che ho visto. E quanto menava Cleto in allenamento». La vita di Daniele Moretti

  • Covid19 - I dati di martedì 31 marzo: 27 morti a Piacenza, il totale sale a 543. E' ancora un giorno di dolore

  • Maradona, Bruno Conti, Baresi e il Piacenza tutto italiano. Il capitano Settimio Lucci ci racconta 20 anni di carriera

  • De Joannon all’attacco: «Ho dato la mia disponibilità per dare una mano. Da medico voglio combattere il coronavirus»

  • Calcio Dilettanti e Podenzano in lutto: ci lascia Abele Boselli. «E' la storia che se ne va»

  • Magnacavallo, primario del Pronto Soccorso: «Vediamo una diminuzione degli accessi, la situazione inizia a essere più gestibile»

Torna su
SportPiacenza è in caricamento